giovedì 29 settembre 2016 - Aggiornato alle 01:54
16 luglio 2016 Ultimo aggiornamento alle 08:56

Umbria Jazz, al trombettista Fabrizio Bosso il premio «Ambasciatori dell’Umbria nel mondo»

Il riconoscimento è assegnato ogni anno dalla Fondazione Cassa di risparmio di Perugia. Cerimonia nel pomeriggio al Pavone prima dell'omaggio a Duke Ellington

Umbria Jazz, al trombettista Fabrizio Bosso il premio «Ambasciatori dell’Umbria nel mondo»
Fabrizio Bosso

Va al trombettista Fabrizio Bosso, impegnato in questi giorni a Perugia per l’edizione 2016 di Umbria Jazz, il premio «Ambasciatori dell’Umbria nel mondo» assegnato dalla Fondazione Cassa di risparmio di Perugia. Premio che sarà consegnato sabato alle 17 al Pavone, prima del concerto (un omaggio a Duke Ellington) che Bosso e la sua band terranno al Pavone, e che va ogni anno «a musicisti che hanno portato e tenuto alto – spiega il festival in una nota – il nome dell’Italia e dell’Umbria nel mondo, facendosi ambasciatori di un modo di essere e vivere la cultura che è nel dna del nostro paese». Negli anni passati sono stati premiati grandi nomi del panorama musicale che hanno fatto, e stanno facendo, la storia e la fortuna di Umbria Jazz, ovvero Enrico Rava, Renato Sellani, Giovanni Tommaso, Stefano Bollani, Francesco Cafiso, Roberta Gambarini, Franco D’Andrea, I Solisti di Perugia, Danilo Rea, Enzo Pietropaoli e l’umbro Giovanni Guidi.

Chi è Nato a Torino, oltre venti album pubblicati a suo nome, Fabrizio Bosso è oggi uno dei musicisti più apprezzati da pubblico e critica del panorama jazz italiano e internazionale. Il suo primo incontro con la tromba avviene a 5 anni, a 15 anni il diploma in Conservatorio, poi studi negli Stati Uniti e il via ad una carriera che l’ha visto al fianco di artisti quali Paolo Fresu, Claudio Baglioni, Mario Biondi, Bruno Lauzi, Sergio Cammariere, Tullio De Piscopo, Randy Brecker e molti altri, diversi per genere e ambito musicale. Una versatilità che caratterizza tutta la sua storia artistica, resa possibile dal suo talento e dalla sua capacità di fare suo qualsiasi parte dello spartito, sia jazz o pop, rock o classico. Tutto questo ne fa un ambasciatore della musica nel mondo a pieno titolo,. In particolare di Umbria Jazz, dove è stato numerose

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250