venerdì 30 settembre 2016 - Aggiornato alle 01:48
4 agosto 2016 Ultimo aggiornamento alle 10:01

«Umbria invasa dai cinghiali»: il Wwf chiede le dimissioni dell’assessore Cecchini

Dura nota del presidente Sauro Presenzini sulla «manifesta incapacità gestionale» del problema

«Umbria invasa dai cinghiali»: il Wwf chiede le dimissioni dell’assessore Cecchini
Cinghiali

«Il Wwf, a fronte di tale di tale stato di cose, chiede le immediate dimissioni dell’assessore Fernanda Cecchini, per manifesta incapacità gestionale, rispetto al perdurante e riconosciuto “problema cinghiale” in Umbria». È il presidente dell’associazione ambientalista, Sauro Presenzini, a prendere posizione con una dura nota indirizzata alla titolare delle deleghe a Caccia e Agricoltura.

Invasione di cinghiali «Il cinghiale maremmano, quello autoctono (sus scofa) piccolo di taglia – spiega Presenzini – al massimo 60-80 kg faceva una sola cucciolata l’anno di 2-3 esemplari, questa specie è stato soppiantata da esemplari introdotti in maniera sconsiderata e abusiva, esclusivamente per motivi venatori, da cinghiali provenienti dall’Est Europeo, una specie invasiva ed aliena che è entrata in competizione delle stesse risorse alimentari e del territorio, facendo scomparire il nostro “piccolo maremmano”. Trattasi di un porcastro dalla doppia taglia, ed infatti arriva a pesare anche 150-200 kg e di norma sforna cucciolate grufolanti di 10-12 esemplari due volte l’anno, ma non è infrequente che durante stagioni favorevoli, la scrofa possa rimanere in cinta anche una terza volta. L’esplosione demografica è ora realtà, obbiettivo centrato quindi dal punto di vista del gioco/divertimento della caccia, con abbondanza di “bersagli mobili grufolanti”, ma allo stesso tempo in rotta di collisione frontale, dal punto di visto dell’imprenditore agricolo e tutela del suo reddito».

Cacciatori vs agricoltori Presenzini parla di «conflitto palese d’interessi tra chi ne vorrebbe preservare le quantità, ovvero i cacciatori per il loro ludico divertimento, chi invece vorrebbe eradicarli dal territorio eliminandoli completamente, ovvero gli agricoltori che lamentano danni milionari alle loro colture e il mondo scientifico abituato da sempre a ragionare in termini d’equilibri ecologici. La politica è nel mezzo, a tentare di trovare la quadra di una situazione francamente insostenibile».

Atc sbilanciati Presenzini fa poi notare come «gli Ambiti territoriali di caccia, gli Atc individuati dalla legge, dovrebbero gestire il territorio, assieme all’assessore Cecchini», ma denuncia come «questo non è di certo possibile tenuto conto dell’enorme sbilanciamento dei componenti degli Atc che teoricamente (ma solo teoricamente) dovrebbero essere rappresentanti delle diverse categorie: agricoltori, cacciatori, enti locali e ambientalisti». Invece per Presenzini «tutti i componenti degli Atc (ad esclusione del rappresentante del Wwf) sono cacciatori (quasi tutti cinghialari), sia i 4 componenti degli agricoltori, sia quelli degli Enti locali, fino al ridicolo dei 4 rappresentanti di pseudo, quanto finte associazioni ambientaliste. E’ evidente il conflitto d’interessi e lo sbilanciamento nel prendere decisioni da parte di chi dovrebbe invece prendere e/o suggerire soluzioni efficaci».

Inerzia della Regione Quanto alla Regione «denota – per il presidente Wwf – non solo inerzia gestionale, ma una conclamata incapacità di gestione del fenomeno» paventando ipotizzando nelle motivazioni quella di un «bieco tornaconto elettorale ed evidente volontà politica di non voler disturbare troppo». «La risposta – fa notare – è da ricercare nell’evidente fallimento degli abbattimenti selettivi» facendo scaturire «una melina inestricabile ed inaccettabile».

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250