domenica 25 settembre 2016 - Aggiornato alle 17:41
10 giugno 2016 Ultimo aggiornamento alle 13:56

Torta al testo e sushi, è «questione di prospettive»: il 20 giugno a Perugia il cantiere «Community lab»

Studenti e associazioni danno vita in una data simbolo a un appuntamento in cui discutere del futuro della città: 12 relatori, tra questi Brunangelo Falini e Jack Sintini

Torta al testo e sushi, è «questione di prospettive»: il 20 giugno a Perugia il cantiere «Community lab»
Una delle immagini diffuse dal profilo

di Daniele Bovi

Da qualche giorno ad attirare l’attenzione degli internauti è l’immagine di una ciaramicola ‘fusa’ con una classica ciambella americana, oppure una torta al testo accostata a un maki salmone e avocado. Insomma, sguardo local e global perché in fondo come scritto nelle immagini è tutta «questione di prospettive». L’evento si chiama «Community Lab» e c’è chi, in città, lo legge come una sorta di apertura del cantiere da parte dei giovani dem in vista del 2019, anno in cui il partito proverà a riprendersi la città. Nel giorno in cui nel Pd cittadino c’è stato un travaso di bile per l’uscita di Renzi su Romizi, definita con un eufemismo da più parti come fuoriluogo, chi ruota intorno all’organizzazione dell’evento, che tra l’altro si terrà in una data simbolo per Perugia, ovvero il 20 giugno (alla sala Sant’Anna alle 21), si affretta a spiegare e a giurare che la suddetta interpretazione è quantomeno maliziosa. Il «Community lab», dicono, è un cantiere di idee aperto a tutti, senza occhi puntati al 2019. Da giorni per l’evento è stato creato un profilo apposito su Facebook (ma anche su Twitter e Instagram) che centellina i nomi dei protagonisti e illumina mano a mano i contorni dell’iniziativa, organizzata da rappresentanti di alcune associazioni cittadine e del mondo studentesco (dall’Udu alla Rete degli studenti medi, anche se queste non figurano ufficialmente dato che l’evento vuol essere il più aperto e ‘laico’ possibile).

RENZI SU ROMIZI: «È UN BUON SINDACO». LA REAZIONE DEI DEM

Un laboratorio Ma che iniziativa sarà il «Community lab»? Sul profilo si parla di «un laboratorio di idee e progetti, una comunità di storie e persone. Perugia cambia prospettiva, immaginiamola insieme». Il modello è quello delle Ted conference, cioè delle conferenze che si tengono in giro per il mondo nel corso delle quali i relatori sviluppano idee e parlano di progetti (le migliori accumulate nel corso degli anni si possono ascoltare sul sito del Ted). In programma, spiegano gli organizzatori, ci sono 12 interventi e da qui al 20 giugno ogni giorno verrà svelato un nome. Al momento sono noti quelli del professor Brunangelo Falini e del pallavolista Jack Sintini. Accanto a loro, introdotti da un presentatore, ci saranno ricercatori universitari, imprenditori, persone che si occupano di diritti civili, professori e così via. Nelle intenzioni insomma, un momento per aggregare mondi diversi in un cantiere partecipato, non connotato politicamente, per pensare un nuovo modello di città. Poi, ovviamente, chi ha in animo di tentare l’avventura potrà sedersi in platea, ascoltare e prendere appunti sui quali riflettere con calma. Tempo, fino al 2019, non manca.

Twitter @DanieleBovi

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250