domenica 25 settembre 2016 - Aggiornato alle 10:50
13 settembre 2016 Ultimo aggiornamento alle 17:40

Tk-Ast, sindacati vigilano sulle ronde ispettive dei dirigenti: ecco i nuovi divieti

Rsu punta riflettori su organico e professionalità e attende nuovi incontri con la direzione aziendale, Uil resta sigla outsider: «Assemblee immediate con tutti i lavoratori»

Tk-Ast, sindacati vigilano sulle ronde ispettive dei dirigenti: ecco i nuovi divieti
Le acciaierie di Terni

di Marta Rosati

I dirigenti controllano i lavoratori e le Rsu monitorano la loro attività ispettiva, questo il clima all’interno dello stabilimento Tk-Ast di Terni dove pare siano comparsi, almeno in alcuni reparti, cartelli di divieto mai visti prima attraverso i quali l’azienda intima di non utilizzare telefoni cellulari, dvd o apparecchiature simili durante l’attività lavorativa.

Il caso Uilm Nel frattempo la pausa estiva pare non sia servita a sanare le spaccature interne all’esecutivo: alla ripresa di tutti gli impianti, infatti, i rappresentanti sindacali hanno fatto il punto della situazione e stando a quanto riferito da Fim, Fiom, Fismic e Ugl, dal confronto sarebbero nuovamente emerse divergenze con la Uilm. Il sindacato all’indomani dell’incontro spiega la propria posizione: «Nei reparti e negli uffici persistono dei problemi, avremmo preferito convocare in modo unitario assemblee immediate con tutti i lavoratori, al fine di condividere insieme, tutte le azioni di contrasto e di rivendicazione nei confronti dell’azienda, alla quale non possiamo concedere tempi troppo lunghi per fornire le risposte che attendiamo»

Tk-Ast, i nodi da sciogliere Organizzazione del lavoro, carenza di organico, riconoscimento delle professionalità a tutti i livelli, manutenzione degli impianti e miglioramento continuo. Questi gli aspetti che i rappresentanti delle quattro sigle (Uilm esclusa) ritengono di dover porre, sotto la lente d’ingrandimento, all’attenzione della direzione aziendale alla quale riconoscono comunque un «cambio di passo», già più volte sottolineato e apprezzato.

Ronde ispettive Vietato però abbassare la guardia, il monito delle Rsu è un po’ questo ed è in virtù di tale ragione che le stesse rappresentanze sindacali si sono organizzate per vigilare sull’attività di controllo disposta dai vertici aziendali su ogni reparto: «Tuteliamo i lavoratori – avvertono – da possibili pressioni fuori dalle regole». La lista dei ‘nodi da sciogliere’ pare sia già stata inviata alla direzione aziendale e qualora la richiesta d’incontro non fosse presa in considerazione le Rsu Ast sono pronte a intraprendere iniziative diverse, nell’attesa che il management attivi un tavolo di confronto rispetto alla qualità delle relazioni industriali.

I toni Uilm Più dura la sigla outsider che parla di «azione provocatoria e intimidatoria da parte dei dirigenti nei confronti dei lavoratori e crescente confusione di ruoli e responsabilità di impiegati e quadri», aggiungendo alla lista delle questioni da vagliare anche i rischi per la salute degli operai e le misure di sicurezza. Se la Uilm si è distinta dai colleghi degli altri sindacati è stato anche e soprattutto per i metodi: «Avevamo chiesto di condividere le priorità in assemblea, invitiamo i lavoratori a a denunciare alle commissioni sindacali tutte le anomalie che riscontrano».

@martarosati28

 

 

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250