martedì 27 settembre 2016 - Aggiornato alle 17:31
4 agosto 2016 Ultimo aggiornamento alle 15:49

Tk-Ast, sindacati pronti per incontro al Mise: «Vogliamo conoscere ‘l’acciaieria di Burelli»

Alla vigilia segretari dei metalmeccanici con gli occhi puntati sul nuovo ad, c’è volontà di capire le politiche commerciali dell’azienda allontanando spettri vendita e chiusura forno

Tk-Ast, sindacati pronti per incontro al Mise: «Vogliamo conoscere ‘l’acciaieria di Burelli»

di Marta Rosati

Chiarimenti, aggiornamenti, delucidazioni e progetti concreti e verificabili. È questo che le organizzazioni sindacali sono pronte a richiedere a Tk-Ast al tavolo di venerdì 5 agosto.

I nodi da sciogliere al Mise La discussione, hanno condiviso i segretari di Fim, Fiom, Fismic, Ugl e Uilm nella riunione preparatoria, verterà su alcuni punti fondamentali: mantenimento del milione di tonnellate e relativo mix produttivo; business unit e quindi  impegni e prospettive per Aspasiel, Sdf, Titanio, Tubificio; stato degli investimenti; politiche commerciali; approvvigionamento e materie prime: energia (Interconnector), rottame, extralega, ecc.; relazioni industriali, stato di attuazione investimenti ambiente e posizione rispetto all’amianto; Mesop 2.0; tutela occupazione; infrastrutture e dumping europeo su importazioni. Infine, ma non certo di secondaria importanza, le voci di una eventuale messa in vendita del sito.

Da Morselli a Burelli Le questioni sono sostanzialmente le stesse di marzo insomma, ma è cambiato l’amministratore delegato e pare anche l’approccio di Ast al mercato (l’ingegnere Massimiliano Burelli in qualche modo ha già anticipato col discorso ‘piccoli lotti per tanti clienti’ piuttosto che il contrario). Per i sindacati è prioritario capire dal punto di vista operativo come intende agire l’azienda e quali sono le prospettive.

Riccardo Marcelli (Fim-Cisl) «Serve capire esattamente dove Burelli abbia inteso tracciare la linea di confine tra le garanzie espresse dall’azienda per bocca di Lucia Morselli e le politiche che il nuovo amministratore delegato intende mettere in campo. Quando, per intenderci, il numero uno di viale Brin parla di ‘acciaieria sartoriale’ e innesca il sistema del miglioramento continuo per il passaggio da grandi lotti per pochi clienti a piccoli lotti per tanti clienti, deve spiegare come tutto questo si sostanzia».

Claudio Cipolla (Fiom-Cgil) «Tra gli impegni da valutare e le scelte da mettere nero su bianco  ci sono senza dubbio il completamento dell’investimento sull’area a freddo e i tempi per l’entrata in funzione della linea di Torino; sarebbe bene poi avere il conto di clienti e commesse acquisite negli ultimi due anni e risolvere l’enigma del secondo forno. Da chiarire poi definitivamente le  parole di Peter Sauer, in rappresentanza di Thyssenkrupp, cioè per ‘ristrutturazione’ si intendeva riorganizzazione dal punto di vista produttivo, lavorativo e nella cabina di comando dirigenziale. Per dirla con una battuta, ‘la cura dimagrante è finita e siamo in fase di mantenimento’. Speriamo di sentire che questo riassetto terminerà a stretto giro e che da quel momento le parole chiave saranno ‘rilancio’, ‘crescita’ e ‘sviluppo’ per fare utile, accrescere la produzione e il portafoglio clienti per ricompensare i sacrifici fatti dai lavoratori in questi ultimi anni.

Giovacchino Olimpieri (Fismic) Lo stato d’attuazione dell’accordo è utile che venga verificato, la vera novità stavolta è Burelli perché sarà lui a dover riferire di fronte a istituzioni e parti sociali le posizioni dell’azienda. Fondamentale che dia conto delle inversioni di tendenza e delle strategie della multinazionale per il sito di Terni, come la casa madre sarebbe opportuno riferisse su questa potenziale fusione con Tata steel e che tipo di ricadute avrebbe la jonint venture.

Daniele Francescangeli (Ugl) Venerdì al Mise andremo a verificare se Burelli e quindi l’azienda conferma  gli impegni presi in sede di accordo nel dicembre 2014, quindi il mantenimento dei due forni, i 160 milioni di investimento per parco scorie, linea 6 di Torino e livelli occupazionali. Allo stesso modo la Regione dovrà garantire quanto sottoscritto un anno e mezzo fa. Per quanto riguarda le nuove politiche commerciali annunciate a mezzo stampa dall’amministratore delegato, mi sento di dire che noi siamo abituati a tonnellate di acciaio per essere competitivi su scala mondiale; una politica di nicchia che magari sacrifica titanio e fucinati guardando al consumatore finale sarebbe uno scenario nuovo che quindi va spiegato.

Nicola Pasini (Uilm-Uil) Quell’espressione ‘il milione di tonnellate non è un dogma’ preoccupa un po’, quel volume produttivo rientrava tra gli impegni sottoscritti nel dicembre 2014; quel documento non può diventare carta straccia con la giustificazione che non c’è mercato, piuttosto servirebbe eventualmente attivarsi per attrarre nuovi clienti. Rispetto a questo, ‘l’acciaieria sartoriale’ può essere condivisibile ma bisogna riempire il concetto di significato. Se questo vuol dire 800 mila tonnellate di fuso e 500 mila di spedito, potrebbe sostanziarsi con 1500 lavoratori in meno ma l’accordo parla di altro».

Twitter @martarosati28

 

 

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250