sabato 1 ottobre 2016 - Aggiornato alle 15:47
1 giugno 2016 Ultimo aggiornamento alle 17:50

Tk-Ast garante trattative tra sindacati e Gap per parco rottami: sciopero di tutto il sito congelato

Direzione di viale Brin convoca segreterie provinciali, firmato verbale di riunione: «Accordo entro luglio senza penalizzare lavoratori»

Tk-Ast garante trattative tra sindacati e Gap per parco rottami: sciopero di tutto il sito congelato
Tk-Ast (foto Fabrizi)

di Chiara Fabrizi

«Tk-Ast garante della trattativa tra Gap e organizzazioni sindacali che dovrà concludersi entro luglio e nell’ambito di un perimetro che non penalizzi i livelli occupazionali». Questo l’accordo trovato lunedì sera dalle segreterie provinciali di Fim-Cisl, Fiom-Cgil, Uilm-Uil, Fismic e Ugl e la direzione aziendale del sito siderurgico di Terni.

Proclamato sciopero di tutto il sito L’incontro tra le parti, va detto, è scaturito dalla proclamazione dello sciopero di quattro di ore di tutto il personale Ast pronto a solidarizzare coi 61 lavoratori del parco rottami attualmente dipendenti di Ilserv e destinati a ottobre a passare alla Gap che si è aggiudicato il nuovo appalto e ritiene di aver bisogno di 50 operai. Le braccia già incrociate per due ore il 17 maggio, avrebbero dovuto essere nuovamente incrociate per quattro ore tra giovedì 26 maggio e venerdì 27 maggio, ma di fronte alla comunicazione la direzione aziendale di viale Brin ha convocato i segretari territoriali per scongiurare la mobilitazione generale. In ballo, del resto, ci sono undici posti di lavoro a fronte dei 61 complessivi e il 20% del salario degli operai addetti al parco rottami su cui al momento, ed è questa un altro nodo, «non c’è completa conoscenza sulle modalità tecnico organizzative che la Gap intende adottare».

Ast garante trattative tra sindacati e Gap Da qui lo sciopero proclamato e poi congelato a seguito della convocazione di Tk-Ast. Al tavolo, dopo ampia discussioni, sindacati e direzione aziendale sono arrivati alla sottoscrizione di un verbale di riunione. «Le sigle – si legge nel documento – hanno espresso preoccupazione n merito alla gestione complessiva dell’Area anche per l’incertezza di modalità e tempi di rifacimento del parco rottami e delle sue eventuali negative ricadute sul processo produttivo della committente Ast nonché per i livelli occupazionali». Di fronte ai timori dei rappresentati dei lavoratori, viale Brini si è impegnata a «monitorare il tavolo di confronto col nuovo appaltatore; a farsi garante dei tempi della trattativa che dovrà arrivare a conclusione entro la fine di luglio e nell’ambito di un perimetro che non penalizzi i livelli occupazionali». Ergo, per ora niente sciopero.

Sicurezza in Pix2: salta il tavolo Intanto sempre lunedì le Rsu di Uilm-Uil hanno incontrato i vertici di Ast per una riunione legata a questioni di sicurezza in Pix2: «Ancora una volta – è la nota del sindacato – abbiamo riscontrato durante la discussione una completa impreparazione della parte aziendale che, incalzata sui vari punti critici emersi, ha manifestato insofferenza e fastidio a tal punto che il responsabile dei trattamenti ha abbandonato il tavolo di confronto. Le Rsu di Uilm non credono che questi episodi siano casuali e appare strano che si verifichino sempre negli incontri a cui partecipa la nostra sigla, in ogni caso garantiamo a tutti i lavoratori l’intensificazione dell’azione per evidenziare tutti i problemi e impegnarci nell’individuazione di una soluzione nel bene dei dipendenti del gruppo Ast».

Twitter @chilodice

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250