mercoledì 28 settembre 2016 - Aggiornato alle 08:52
27 agosto 2016 Ultimo aggiornamento alle 20:07

Terremoto, oltre 1.320 scosse da mercoledì notte: satellite giapponese misura deformazioni suolo

Centoventi eventi di magnitudo superiore a 3, sei di questi dalle 19 di venerdì. Cnr e Ingv: «Abbassamento a cucchiaio per 20 km, dato massimo ad Accumuli con circa 20 cm»

Terremoto, oltre 1.320 scosse da mercoledì notte: satellite giapponese misura deformazioni suolo
Sequenza sismica elaborata da Ingv

di Chiara Fabrizi

Oltre 1.300 terremoti dalla notte di mercoledì. Non si arresta la crisi sismica in corso nella zona a confine tra Umbria, Marche e Lazio dove sabato mattina il bollettino emesso alle 8 dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia ha contato ben 1.321 eventi.

MORTA ANCHE LA COPPIA DI ORVIETO
SOPRALLUOGHI NELLE CASE E AIUTI ALLE IMPRESE
«CORRETE CI SONO GLI SCIACALLI»
VERTICE A PALAZZO CHIGI CON LE REGIONI

Oltre 1.300 terremoti dalla notte di mercoledì Tra questi sono 108 gli eventi di magnitudo compresa tra 3 e 4, undici quelli localizzati di magnitudo compresa tra 4 e 5 e uno quello di magnitudo maggiore a 5. Dalle 19 di venerdì, ora dell’ultimo aggiornamento di Ingv, gli eventi di magnitudo maggiore di 3 sono sei. Il più forte è quello delle 04.50 di sabato mattina a circa 4 chilometri da Castelluccio di Norcia, dove si teme per il crollo del campanile della chiesa fortemente compromesso dalle lesioni ma tuttora in piedi. Fin dai minuti immediatamente successivi alla scossa delle 3.36 di mercoledì, il dipartimento di Protezione civile ha attivato i suoi centri di competenza nei settori  della sismologia e dell’elaborazione dei dati radar satellitari per un’analisi di dati satellitari volta alla misura dei movimenti del suolo innescati dalle scosse ed allo studio delle sorgenti sismiche.

SU TWITTER #PRAYFORPERUGIA: FUGA DI TURISTI
FOTORACCONTO: LA NOTTE TRA GLI SFOLLATI DI NORCIA E SAN PELLEGRINO

IL GIORNO DOPO TRA GLI SFOLLATI: VIDEOFOTO
CROLLI A SAN PELLEGRINO: VIDEO – FOTO

I dati del satellite giapponese Alos 2 In particolare un team di ricercatori di Ingv insieme a quelli del Consiglio Nazionale delle Ricerche, specificatamente dell’Istituto per il rilevamento elettromagnetico dell’ambiente (Cnr-Irea di Napoli) «utilizzando i dati del satellite giapponese Alos 2, ottenuti tramite progetti scientifici, ha misurato con alta precisione i movimenti permanenti del suolo originati durante il terremoto con la tecnica dell’Interferometria differenziale che confrontando immagini radar acquisite prima dell’evento con immagini successive al sisma – ha spiegato Riccardo Lanari, direttore del Cnr-Irea – consente di rilevare deformazioni della superficie del suolo con accuratezza centimetrica». L’analisi ha permesso di evidenziare «un abbassamento del suolo a forma di cucchiaio che si estende per circa 20 chilometri in direzione Nord e ha un valore massimo di circa 20 centimetri in corrispondenza dell’area di Accumoli».

FOTOGALLERY: CASTELLUCCIO POST TERREMOTO
ANIMAZIONE 3D: SCOSSA PRINCIPALE
IL FOTORACCONTO DAI LUOGHI DELLA TRAGEDIA
VIDEO: CROLLI E PAURA A NORCIA

La faglia e il piano di frattura La mappa dei movimenti del suolo è stata poi utilizzata per sviluppare dei modelli fisico-matematici della faglia che ha originato il terremoto. Le faglie possono essere visualizzate come dei piani di frattura lungo i quali si ha lo scorrimento dei due blocchi di crosta terrestre: quando il movimento è molto rapido si genera un terremoto: «La faglia sorgente del terremoto – spiega Stefano Salvi dell’Ingv – si colloca a pochi chilometri di profondità nella zona compresa tra Amatrice e Norcia, passando sotto Accumuli. Si tratta di un piano di frattura lungo circa 25 chilometri che si immerge verso Rieti con una inclinazione di 50 gradi. La conoscenza di dettaglio della posizione e delle caratteristiche delle sorgenti sismiche – ha concluso – è un elemento fondamentale per la gestione dell’emergenza ed è importante anche per la redazione di mappe di pericolosità sismica sempre più affidabili».

@chilodice

 

 

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

-->

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250