mercoledì 28 settembre 2016 - Aggiornato alle 02:02
2 giugno 2016 Ultimo aggiornamento alle 10:34

Terremoto nell’Orvietano: scossa di magnitudo 3,2 all’alba. Scuole chiuse anche venerdì e sabato

Nella zona di Castel Giorgio registrati altri sette eventi sismici, tecnici al lavoro per la stima dei danni: concluse le verifiche sugli immobili

Terremoto nell’Orvietano: scossa di magnitudo 3,2 all’alba. Scuole chiuse anche venerdì e sabato
Terremoto nell'Orvietano

MULTIMEDIA

Guarda le foto

di Chia.Fa.

Sono sette le scosse che si sono verificate all’alba di giovedì nella zona dell’Orvietano interessata da lunedì sera da uno sciame sismico che si è presentato Castel Giorgio con un terremoto di magnitudo 4,1. Nel pomeriggio del 2 giugno il sottosegretario al Ministero dell’interno Giampiero Bocci ha visitato le zone del sisma e i sindaci, a scopo precauzionale, hanno deciso di chiudere le strutture anche nelle giornate di venerdì e sabato nei comuni di Allerona, Castel Viscardo, Castel Giorgio, Orvieto, Fabro e Porano. A Castel Giorgio rimangono aperti il Centro operativo comunale e due strutture di accoglienza, che sono state allestite alla palestra comunale e all’oratorio. Entrambe non sono state comunque finora utilizzate dalla popolazione.

FOTOGALLERY: CREPE NEI MURI

Terremoto di magnitudo 3,2 all’alba Nelle ultime ore (nel pomeriggio non è stata registrata alcuna scossa significativa) il sisma di maggiore intensità si è verificato intorno alle 5.30 con magnitudo 3 e a una profondità di circa 5 chilometri. Gli altri sei terremoti che si sono susseguiti all’alba hanno avuto una forza compresa tra 1,2 e 2,6. Intanto nella zona non risultano ulteriori criticità rispetto a quelle emerse nelle ore immediatamente successive alla scossa più violenta. In particolare è stata confermata l’inagibilità di quattro appartamenti presenti in due stabili a Castel Giorgio, con relativo sgombero della decina di persone che vi risiedeva, tutte ospiti di parenti e amici.

Tecnici stilano la relazione del danno Non vengono riferiti danni, invece, a edifici pubblici non solo di Castel Giorgio, ma anche di Castel Viscardo e Orvieto, tutti controllati due volte dalle squadre al lavoro per le verifiche statiche, ossia vigili del fuoco e tecnici comunali e regionali. Mercoledì si sono conclusi i sopralluoghi in una trentina di immobili presenti nella zona e, stando a quanto risulta, nessuno è stato dichiarato inagibile. Geometri e ingegneri stanno stilando in queste ore la relazione sugli edifici e le relative classificazioni del danno, attesa la prossima settimana in giunta regionale per la pratica relativa all’istanza di stato di calamità naturale.

Twitter @chilodice 

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

-->

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250