lunedì 26 settembre 2016 - Aggiornato alle 07:21
25 agosto 2016 Ultimo aggiornamento alle 18:11

Terremoto, misure di sostegno per le imprese dei comuni colpiti. Regione a Parlamentari: «Sosteneteci»

Incontro convocato a Norcia anche coi sindaci di Cascia, Preci e Monteleone. Marini ai parlamentari: «Presto per stima danni, aspettiamo Stato di emergenza». Vertice poi coi consiglieri regionali

Terremoto, misure di sostegno per le imprese dei comuni colpiti. Regione a Parlamentari: «Sosteneteci»

Misure concrete per il sostegno delle attività economiche, in primis quelle turistiche, dei comuni umbri colpiti dal sisma. Se ne parlerà venerdì alle 9.30 a Norcia, nella riunione convocata al Centro operativo misto nei pressi del parcheggio di Porta Romana (Sala Polivalente – Piazzale Rosa Marucci), promossa dall’assessorato regionale allo Sviluppo economico. Si valuteranno, anche alla presenza della presidente della Regione Catiuscia Marini, dei sindaci di Norcia, Cascia, Preci e Monteleone di Spoleto e dei rappresentanti delle associazioni di categoria del territorio, le criticità insorte a seguito del sisma del 24 agosto e le eventuali misure da attivare. Sarà il vicepresidente della Giunta regionale, Fabio Paparelli, a coordinare la riunione.

FOTORACCONTO: LA NOTTE TRA GLI SFOLLATI DI NORCIA E SAN PELLEGRINO

TERREMOTO: LA GIORNATA IN DIRETTA
IL FOTORACCONTO DAI LUOGHI DELLA TRAGEDIA
CROLLI A SAN PELLEGRINO: VIDEO – FOTO

Cna: vicini a imprese Intanto la Cna dell’Umbria esprime «profonda vicinanza e solidarietà alle popolazioni, ai parenti delle vittime e alle imprese colpite gravemente dal terremoto del 24 agosto, assicurando il massimo impegno, a tutti i livelli dell’organizzazione, nel favorire iniziative a sostegno delle operazioni di soccorso e ricostruzione». È Renato Cesca, presidente regionale, a prendere la parola: «Sappiamo bene, per averlo sperimentato sulla nostra pelle più volte, la più grave delle quali nel 1997 e, in forma più lieve, nel 2009, cosa significhi subire una simile tragedia. Come associazione di imprese siamo consapevoli del lavoro enorme che comporterà rimettere in piedi attività distrutte o pesantemente danneggiate. Ecco perché – conclude Cesca – ci stringiamo agli artigiani, agli imprenditori e alle loro organizzazioni, assicurando collaborazione e azioni concrete a loro sostegno».

VIDEO: CROLLI E PAURA A NORCIA
VIDEO: MASSI SU STRADA PER CASTELLUCCIO

Summit coi parlamentari Sempre in tema di incontri, la presidente Marini, ha riunito al Centro regionale di protezione civile di Foligno i parlamentari eletti in Umbria, per fare il punto della situazione. Presenti anche il prefetto Raffaele Cannizzaro, la presidente dell’Assemblea legislativa Donatella Porzi, e gli assessori regionali Fabio Paparelli e Antonio Bartolini. «L’emergenza in Umbria – ha spiegato Marini – si concentra soprattutto in alcuni comuni della Valnerina dove si sono registrate lesioni agli edifici ed una parte della popolazione ha abbandonato le abitazioni anche perché ha paura di dormire nelle proprie case. Si tratta di lesioni che sembrano non riguardare parti strutturali degli edifici e ciò è dovuto alla qualità degli interventi di consolidamento e ricostruzione realizzati a seguito dei precedenti terremoti che hanno interessato l’Umbria e che oggi – ha sottolineato – , alla prova dei fatti e del sisma, ci hanno permesso di salvare delle vite».

L’ANALISI DEL SISMA: SCOSSA DA 142 SECONDI, 240 REPLICHE
IL PUNTO SULLA MACCHINA DEI SOCCORSI
SOLIDARIETÀ, COME DARE UNA MANO

Presto per stima danni Relativamente alla «reale stima ed entità dei danni a edifici, infrastrutture e attività commerciali e produttive un quadro più preciso – ha detto – si avrà nei prossimi giorni quando sarà possibile eseguire sopralluoghi in condizioni di sicurezza. D’intesa con il Dipartimento di protezione civile nazionale – ha aggiunto la presidente – proseguiremo a gestire l’emergenza in maniera autonoma e autosufficiente perché abbiamo competenze ormai strutturate nel sistema di protezione civile regionale e mezzi idonei in questa fase a rispondere ai bisogni dei cittadini, ciò a differenza di quanto accade nelle altre Regioni colpite dal sisma che sono state chiamate a gestire i soccorsi e dove le criticità sono maggiori a causa di un terremoto che ha avuto effetti devastanti».

FOTOGALLERY: AMATRICE DEVASTATA
FOTOGALLERY: GENTE IN STRADA A NORCIA

Collaborazione Nel ringraziare quanti, dagli enti locali, alle forze dell’ordine ai vigili del fuoco, al volontariato e all’intero sistema della protezione civile regionale, per il lavoro svolto finora, la presidente ha voluto sottolineare «il proficuo rapporto di collaborazione e di piena operatività fra Regione Umbria e prefettura di Perugia che, fra l’altro, ha portato alla istituzione del Centro operativo misto a Norcia che lavorerà anche per alcuni dei comuni colpiti che hanno bisogno di supporto amministrativo, tecnico e operativo nella gestione di questa fase emergenziale. Oggi il governo – ha annunciato Marini – dovrebbe decidere con atto formale la deliberazione dello Stato di emergenza e nominare i Commissari straordinari. A voi parlamentari – ha concluso la presidente – chiediamo un rapporto costante nell’ambito sia dei provvedimenti di emergenza, che di quelli di spettanza di governo e parlamento affinché, così come per le altre Regioni colpite, vengano previste misure e risorse che aiutino al più presto a tornare per quanto possibile alla normalità».

FOTOGALLERY: VIADOTTO SI ACCARTOCCIA
FOTOGALLERY: FRANE SULLA STRADA

Impegno dei parlamentari Nel ringraziare la presidente per la tempestività dell’invito, i parlamentari umbri hanno assicurato il proprio impegno nel seguire sin da subito le prime determinazioni che verranno assunte dal governo ed i successivi provvedimenti, anche nel quadro di un confronto collegiale tra governo e presidenti delle Regioni interessate dal sisma. Erano presenti Marina Sereni, Valeria Cardinali, Walter Verini, Giampiero Giulietti, Gianluca Rossi, Tiziana Ciprini, Filippo Gallinella e Michele Ricciardi per Adriana Galgano.

Consiglieri regionali Nel pomeriggio, si è svolta poi una riunione tra i consiglieri regionali e i tecnici della protezione civile, organizzato dalla presidente dell’Assemblea legislativa dell’Umbria, Donatella Porzi, e la presidente della Regione, Catiuscia Marini, che però non ha potuto partecipare perché impegnata a Norcia per l’arrivo del Capo del Dipartimento della Protezione civile nazionale, Fabrizio Curcio. È stato quindi Filippo Battoni, della protezione civile regionale, a riferire ai consiglieri regionali sull’emergenza sisma in Umbria. «Quello che emerge – ha spiegato Porzi – è un quadro che definirei confortante: abbiamo messo a disposizione oltre 800 posti letto e ne sono stati utilizzati 620. Si tratta di sfollati e di persone che hanno abbandonato le loro case per paura di altre scosse. Ciò che abbiamo constatato è che gli edifici, a seguito dei lavori di ricostruzione messi in atto in occasione dei precedenti terremoti che hanno colpito l’Umbria, hanno retto piuttosto bene rispetto a quanto accaduto a pochi chilometri di distanza, dove purtroppo ci sono state invece tante vittime. Il nostro intervento è rivolto a far sì che tutte le emergenze, quelle relative ai beni culturali, quelle che riguardano le scuole che stanno per riaprire e quelle che interessano gli allevatori e le aziende, siano superate con il contributo che arriverà dallo Stato. Ovviamente dovremo valutare quelle lesioni che si sono verificate anche ove le strutture non sono collassate e potremo farlo solo in un secondo momento perché siamo ancora dentro uno sciame sismico. La situazione è in evoluzione». All’incontro, oltre all’assessore Fernanda Cecchini, erano presenti i consiglieri Claudio Ricci (Ricci presidente), Giacomo Leonelli, Gianfranco Chiacchieroni e Andrea Smacchi (Partito democratico), Marco Squarta (Fratelli d’Italia), Andrea Liberati e Maria Grazia Carbonari (Movimento 5 Stelle) ed Emanuele Fiorini (Lega nord).

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250