sabato 1 ottobre 2016 - Aggiornato alle 03:31
15 settembre 2016 Ultimo aggiornamento alle 14:49

Terremoto, a Norcia tre forti scosse in pochi minuti: gente in strada

Due di magnitudo 3.9 e una da 3.7 intorno alle 16.40, nuovi crolli nella zona rossa di San Pellegrino e paura in ospedale. Maxi ricognizione, caduti coppi in centro storico

Terremoto, a Norcia tre forti scosse in pochi minuti: gente in strada

di Chiara Fabrizi

Tre forti terremoti a Norcia. Intorno alle 16.40 la terra è tornata a tremare con un due scosse di magnitudo 3,9 e un’altra da 3.7, seguite da due scosse più lievi di magnitudo 2,6 e 2,1 così come riportato da Ingv. Un altro evento di magnitudo 3,1 era stato registrato alle.15.51 sempre con epicentro Norcia, mentre sono rispettivamente di magnitudo 3 e 3,1 quelli avvertiti alle 18.51 e alle 19.27.

TUTTO SUL TERREMOTO

Tre forti scosse in pochi minuti Il sisma ha spaventato gli abitanti della zona molti dei quali, in base a quanto confermato dalle autorità, sono usciti dalle abitazioni terrorizzati dal terremoto che ormai da oltre tre settimane sta colpendo il Centro Italia. Vigili del fuoco, carabinieri e protezione civile hanno subito fatto scattare la ricognizione di tutto il territorio di Norcia e dintorni, a cominciare dall’ospedale dove sono state compiute rapidamente le verifiche del caso che hanno dato esito positivo, in via precauzionale è stata chiusa una scala interna. In base a quanto riferito dall’Asl attraverso il direttore sanitario Franco Lanzi a titolo precauzionale i pazienti non deambulanti sono stati spostati nella parte nuova del nosocomio, mentre i deambulanti sono usciti dallo stabile. Le autorità confermano, poi, nuovi crolli all’interno della zona rossa di San Pellegrino. I cedimenti hanno interessato abitazioni e vecchi ruderi già gravemente danneggiati dal sisma.

L’esperto I pompieri hanno compiuto numerosi sopralluoghi anche in centro storico a Norcia, dove dai tetti i coppi sono scivolati e caduti in strada in più punti. Controllate anche le mura antiche, già interessate da crolli importanti, e verifica con l’autoscala a Porta ascolana. Intanto dall’Ingv a commentare le nuove scosse di Norcia è il sismologo Massimo Cocco: «Non avevamo mai considerato terminata la sequenza: sarebbe durata troppo poco rispetto a quanto accade in media nei terremoti che avvengono nella zona dell’Appennnino. A Colfiorito nel 1997 è durata circa quattro mesi e quella de L’Aquila molto più a lungo». Sui terremoti verificatisi nel giro di pochi minuti, l’esperto spiega che «potrebbe forse essere dovuto alla rottura di una faglia secondaria perturbata in precedenza: è il modo in cui la natura ha risposto a questa perturbazione, ma non c’è nulla di anormale né nuove faglie. Sono fenomeni – ha concluso – che avvengono in una zona dalla struttura molto complessa e va considerato che dal terremoto del 24 agosto non è passato neanche un mese».

Il lavoro dei vigili del fuoco Risultano effettuati dai pompieri più di 2.150 interventi di cui 1.911 nella zona della Valnerina. I vigili del fuoco si sono preoccupati di rimuovere parti pericolanti, prestando assistenza alla popolazione e recuperando beni di prima necessità dagli edifici danneggiati. Sono stati avviati, inoltre, gli interventi per la riduzione  della criticità sismica e quindi della riduzione delle zone rosse inaccessibili; in  particolare a Castelluccio di Norcia, d’intesa con il Mibac, vengono realizzati interventi per la salvaguardia del campanile e per la protezione di alcuni percorsi stradali in maniera tale da garantire l’accesso ad alcune strutture ricettive destinate ad ospitare la popolazione precedentemente alloggiata nelle tende.

Seguono aggiornamenti

@chilodice

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

-->

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO
  • raiser111

    Perdonatemi, ma questo è un “allarmismo” inutile.
    Per nessuna ragione delle scosse possono essere definite “forti” quando il loro valore è 3,9 Richter.
    Possono essere definite “avvertite sensibilmente dalla popolazione” (anche perchè a bassa profondità – cosa che limita la zona di maggiore sensibilità). Ma non di più.
    E i “crolli”, ragionevolmente, sono quelli di piccole parti già pericolanti, molto danneggiate prima.

    Ed è normale che visiano anche lungo l’arco di un intero anno, dopo un sisma di forte intensità come quello del 24 Agosto.
    Quelle di Grado inferiore (e.g. 2.6 – 2.7) una volta venivano definite “strumentali.
    Vi prego di non fare giornalismo “sensazionalista”…

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250