venerdì 30 settembre 2016 - Aggiornato alle 00:07
1 settembre 2016 Ultimo aggiornamento alle 15:49

Terremoto, da privati quasi 3 mila richieste di sopralluogo: venerdì Errani atteso a Norcia

La metà delle domande registrate a Norcia, summit organizzativo coi tecnici. Federalberghi: «Disponibilità a ospitare sfollati». Campanile di Castelluccio, ipotesi intervento con robot

Terremoto, da privati quasi 3 mila richieste di sopralluogo: venerdì Errani atteso a Norcia
Via del Tricaio di San Pellegrino (foto Troccoli)

di Ivano Porfiri e Chiara Fabrizi

Oltre 2.800 richieste di sopralluogo per edifici privati, più della metà a Norcia. Questo il dato non definitivo fornito dala Protezione civile regionale da cui si apprende che le verifiche statiche sugli immobili non sono iniziate giovedì a causa delle scosse registrate nel pomeriggio del giorno precedente e nella notte. Intanto venerdì il commissario straordinario per la ricostruzione nominato dal governo, Vasco Errani, arriverà in Umbria per incontrare la presidente Catiuscia Marini e i sindaci dei comuni colpiti dal sisma. Errani è attesa prima a Foligno e poi a Norcia.

RENZI: FOTOGALLERY – VIDEO
«PIANA DI CASTELLUCCIO SI è ABBASSATA DI 18 CM»
P RIMO TEMPORALE IN TENDOPOLI

Oltre 2.800 richieste per edifici privati Sempre venerdì i tecnici si troveranno venerdì mattina a Norcia dove è in programma una riunione organizzativa per definire le modalità di esecuzione delle verifiche alla presenza dei funzionari del Dicomac, ossia il distaccamento di controllo e comando del dipartimento nazionale della Protezione civile. In particolare oltre 1.600 sono le richieste di verifiche presentate da altrettanti proprietari di abitazioni o locali di Norcia, più di 150 a Cascia, mentre a Monteleone e Preci se ne contano una quarantina ciascuno. Il migliaio restante di richieste arriva da altre zone della Valnerina, ma anche dallo Spoletino e dal Folignate. Un centinaio i tecnici che risultano già disponibili, anche se il numero dei rilevatori continua a crescere di ora in ora.

SAN PELLEGRINO: NUOVI CROLLI
PRESUNTI SCIACALLI A CASTELLUCCIO: DUE FOGLI DI VIA

Sopralluoghi Al momento, spiegano sempre dalla Protezione civile, non è possibile prevedere neanche approssimativamente i tempi entro i quali sarà portata a termine la prima maxi ricognizione che segue quella già compiuta sugli edifici strategici, scuole e in genere stabili di proprietà pubblica. Per le abitazioni private e locali destinati ad altri usi i tecnici dovranno verificare l’agibilità dell’immobile, ma lo sforzo organizzativo è notevole considerando che i proprietari degli immobili devono essere presenti per garantire l’accesso e nella zona della Valnerina molti stabili sono seconde case. Quando saranno avviate le verifiche e in base a quale ordine si procederà lo si capirà dopo il summit coi tecnici. Intanto giovedì mattina, così come riferito dall’assessore Giuseppina Perla, è stato compiuto un sopralluogo nelle case popolari di via XX Settembre che ospitano 23 famiglie e che sono state dichiarate inagibili anche se le lesioni riscontrate non sarebbero di natura strutturale. Intanto il municipio di Norcia ha pubblicato un avviso per raccogliere disponibilità di proprietari di immobili non utilizzati presenti non soltanto nel territorio comunale da destinare agli sfollati.

L’ADDIO ALLA COPPIA DI ORVIETO
MESSA AL CAMPO SPORTIVO
L’ULTIMO ABBRACCIO A FLORIANA SVIZZERETTO

Camere di albergo disponibili In questo senso giovedì è intervenuta la Confcommercio dell’Umbria ribadendo come da parte «degli albergatori aderenti c’è totale ed immediata disponibilità a mettere a disposizione, dove necessario, posti letto per le famiglie delle zone più colpite dal sisma, sia in Umbria che nelle altre regioni, così da rendere meno disagevole l’ormai prossimo arrivo del periodo invernale. Una disponibilità subito evidenziata all’indomani del sisma del 24 agosto, ed esplicitamente dichiarata nel documento inviato alla Regione con le osservazioni e i suggerimenti di Confcommercio Umbria al documento regionale con le ipotesi di interventi a sostegno delle imprese e dei lavoratori colpiti dal terremoto». A precisare anche il presidente di Federalberghi, Vincenzo Bianconi: «Molti soci di Federalberghi sono pronti a fornire un alloggio temporaneo a quanti ne abbiano bisogno, fermo restando l’obiettivo di non allontanare troppo le persone dai luoghi cari. Alcuni, per la verità, si sono immediatamente attivati in questo senso: la famiglia Allegrini con l’Hotel Europa a Norcia, e la famiglia Bianconi; la famiglia Magrelli, a Cascia, e così via».

«TERZA VOLTA CHE LASCIO CASA»
SOPRALLUOGO A CASCIA E MONTELEONE

Campanile di Castelluccio Intanto all’indomani del crollo di una piccola porzione del campanile di Castelluccio, si apprende, che sarà rivisto il progetto per la messa in sicurezza. L’intervento risulta ancora precauzionalmente sospeso per decisione della protezione civile della Regione Umbria. Mercoledì infatti quando si è verificato il nuovo cedimento stavano operando alcuni tecnici che fortunatamente non sono rimasti feriti. Immediato lo stop ai lavori, seguiti anche dalla Soprintendenza, che potrebbero riprendere venerdì anche con l’ausilio di alcuni robot per valutare la situazione in sicurezza. Nei pressi del campanile ci sono alcune abitazioni non danneggiate dal terremoto e l’obiettivo delle opere di cerchiatura è di evitare il rischio che eventuali cadute di pietre possano creare loro problemi.

Imprese e lavoratori, summit col ministro Poletti Misure straordinarie da mettere in campo per rispondere ai bisogni dei lavoratori e delle imprese nei territori interessati dal sisma. Con questo obiettivo si è tenuto venerdì a Roma, un incontro tra il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, e gli assessori delle quattro Regioni colpite dal sisma, Umbria, Lazio, Marche e Abruzzo. «Il ministero – spiegano gli assessori regionali Antonio Bartolini e Fabio Paparelli – sta predisponendo una serie di linee da definire nei prossimi giorni che prevedono tra le altre la sospensione dei termini di pagamento di oneri e contributi previdenziali e di quanto è a ciò assimilabile. E’ inoltre prevista la sospensione dei termini processuali su contenziosi e procedimenti sanzionatori in materia di illeciti previdenziali e di mancato rispetto delle norme di diritto del lavoro. Si stanno inoltre mettendo a punto misure per la cassa integrazione in deroga. In particolare – hanno aggiunto Bartolini e Paparelli – si sta valutando la possibilità di estenderla oltre il 31 dicembre 2016 con un apposito provvedimento, rimuovendo sin da subito i limiti oggettivi e soggettivi del Decreto ministeriale che ne regola l’accesso, al fine di permetterne la fruizione. Sono inoltre in corso approfondimenti per verificare la possibilità di estensione dei sussidi anche ai lavoratori autonomi. Verranno infine predisposte specifiche misure per il Sostegno per l’inclusione attiva. Per quanto riguarda in particolare l’Umbria – hanno sottolineato i due assessori – abbiamo rappresentato al ministro la forte crisi che, a seguito del terremoto, ha colpito il settore del turismo su tutto il territorio regionale, chiedendo di valutare la possibilità di estendere le esenzioni anche agli altri comuni interessati dal terremoto, oltre a Norcia, Cascia, Monteleone di Spoleto e Preci». Per Bartolini e Paparelli si è trattato di «un incontro molto positivo, operativo, che ha messo in luce la volontà di procedere in modo fortemente condiviso per un lavoro comune tra governo e Regioni ed in stretta sinergia con il Commissario alla ricostruzione Vasco Errani. Ora – hanno concluso Bartolini e Paparelli – il governo dovrà decidere che forma dare ai provvedimenti, se quella di una ordinanza commissariale o di un decreto legge».

@irvine76 e @chilodice

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

-->

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250