venerdì 30 settembre 2016 - Aggiornato alle 12:03
17 giugno 2016 Ultimo aggiornamento alle 13:12

Terni, via a stati generali sull’ambiente: «Questione da governare, nè lassismo né allarmismo»

Il sindaco Di Girolamo e l'assessore Giacchetti aprono la due giorni a palazzo Gazzoli

Terni, via a stati generali sull’ambiente: «Questione da governare, nè lassismo né allarmismo»
Gli stati generali sull'ambiente

di Massimo Colonna

«Sul tema dell’ambiente non servono né rassicurazioni fine a se stesse né allarmismo. Serve piuttosto governo della questione. Governo che significa affrontare il problema, discuterne con le parti e trovare soluzioni».

Stati generali sull’Ambiente È il punto di partenza da cui il sindaco di Terni Leopoldo Di Girolamo e l’assessore all’Ambiente Emilio Giacchetti hanno dato il via alla due giorni degli stati generali sull’ambiente, organizzata venerdì e sabato a palazzo Gazzoli. Un tavolo aperto a tutte le parti in causa e anche ai cittadini. Un appuntamento che assume un ruolo ancora più rilevante in queste ultime ore in cui la questione ambientale è tornata d’attualità dopo le polemiche suscitate dall’impianto di pirolisi di Maratta, annunciato come un nuovo inceneritore dal Movimento Cinque Stelle e tenuto sotto controllo del Comune per questioni edilizie.

L’azione di Palazzo Spada Ad aprire i lavori venerdì mattina nella sala blu di palazzo Gazzoli ci sono il primo cittadino, il responsabile dell’esecutivo e il dirigente comunale al dipartimento della Qualità urbana e del paesaggio Marco Fattore. La partecipazione delle diverse categorie al tavolo è vista dagli amministratori come «punto di partenza per fermarsi a capire la situazione per cercare poi le soluzioni alle diverse problematiche esistenti».

La situazione del ternano «Del resto Terni – ha spiegato l’assessore Giacchetti – ha un passato e un presente industriale importante per cui la questione ambientale deve essere di certo prioritaria nelle politiche attuali e future, soprattutto in considerazione del fatto che la sensibilità dell’opinione pubblica ma anche quella legislativa nel corso degli ultimi anni è cambiata di molto. In questo contesto serve una azione di governo, governo che significa fotografare la situazione, discuterne con le diverse parti coinvolte e poi prendere decisioni. Anche perché la questione ambientale, vista la sua importanza, non può essere solo gestita, ma deve essere governata. Il tutto senza eccessivi permessivismi o inutili rassicurazioni, ma anche però senza allarmismi che invece sento in questi giorni». Chiaro qui il riferimento al Movimento Cinque Stelle.

Al tavolo Diverse le istituzioni presenti: la Provincia con Matteo Stoico, l’Arpa con Nicola Morgantini e Paolo Sconocchia, Luisa Pazzaglia della Usl Umbria 2, Paolo Rueca del Servizio Idrico Integrato, poi diversi docenti universitari. La seconda sessione del tavolo è in programma domani dalle 9 alle 12 con altri approfondimenti.

Twitter @tulhaidetto

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250