giovedì 29 settembre 2016 - Aggiornato alle 18:55
29 aprile 2016 Ultimo aggiornamento alle 17:52

Terni verso la vendita delle farmacie comunali. Aliquote Imu: Orsini fa l’outsider di maggioranza

Ok a nuove tariffe e spunta l’atto su Afm, l’aula respinge la proposta dell’esponente dem e lui vota contro: confermato aumento Imu per case a parenti e a canone concordato

Terni verso la vendita delle farmacie comunali. Aliquote Imu: Orsini fa l’outsider di maggioranza

di Mar. Ros.

La maggioranza di Palazzo Spada sterza verso la vendita delle farmacie comunali, la richiesta di accelerare l’iter di dismissione degli esercizi Afm o cessione delle quote sociali spunta in un atto a firma Michele Pennoni, Fabio Narciso (Pd), Silvano Ricci (Sinistra per Terni) e Faliero Chiappini (Città aperta). A fare notizia, oltre a questo, il modus operandi del consigliere dem Valdimiro Orsini che si vede respingere l’emendamento alle variazioni dell’aliquota Imu e vota contro la delibera predisposta dalla giunta.

Impennata dei costi per mense e Imu Dopo un lungo pomeriggio di siparietti e discussioni dai toni aspri sui temi più caldi in tempi di bilanci, l’aula approva i due atti dell’esecutivo propedeutici al bilancio di previsione 2016: c’è l’ok sull’aumento del 15% per il costo del servizio mense scolastiche (misura accolta con applauso sarcastico dai membri del Cosec presenti nella sala consiliare) e passa anche l’aumento delle aliquote Imu, a partire dal 2017, per le abitazioni concesse in uso gratuito a parenti in linea retta entro il primo grado dallo 0,76 per mille allo 0,96 per mille e per le abitazioni locate a canone concordato dallo 0,6 allo 0,8. Orsini aveva proposto la cancellazione di questo provvedimento ma l’assemblea l’ha respinta e lui ha espresso voto contrario alla delibera di riferimento. Stralciata invece l’ipotesi del biglietto integrato per i servizi turistici, che aveva animato la seduta di terza commissione in mattinata.

Afm verso la vendita Quello che colpisce, dopo mesi di incertezze e l’accusa pungente griffata Marco Cecconi (Fd’I-An), è la linea dettata dalla maggioranza rispetto alle farmacie comunali, sulle quali di recente è intervenuto anche Federico Pasculli del M5s. Nell’atto approvato contestualmente al documento di giunta sulle variazioni delle tariffe per i servizi individuali sono tre gli impegni chiesti all’amministrazione comunale: attuare i prepensionamenti nelle forme più larghe possibili a partire dal personale dirigente; riarticolare le fasce Isee per la compartecipazione delle famiglie al pagamento della refezione scolastica e accelerare l’iter di vendita delle farmacie comunali: a questo punto le intenzioni sono chiare, del resto si tratta di manovre volte a ridurre la spesa dell’ente. Rispetto ai prepensionamenti, per esempio, Orsini l’ha detto chiaro e tondo: «Circa 50 dipendenti hanno maturato  i requisiti per usufruire della legge pre-Fornero, se venisse applicata il Comune risparmierebbe oltre 1,5 milioni di euro all’anno sulla spesa corrente».

Twitter @martarosati28

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250