domenica 25 settembre 2016 - Aggiornato alle 05:42
7 agosto 2016 Ultimo aggiornamento alle 17:36

Terni, uno studio della Uil sulla tassa sui rifiuti: «La Tari è inferiore alla media nazionale»

Il costo medio della tariffa arriva a 274 euro contro i 295 degli altri capoluoghi di provincia

Terni, uno studio della Uil sulla tassa sui rifiuti: «La Tari è inferiore alla media nazionale»
Netturbini al lavoro

A Terni la Tari, la tariffa sui rifiuti, è inferiore alla media nazionale dei 94 capoluoghi di provincia. A fornire i dati è uno studio curato dal Servizio politiche territoriali della Uil nazionale da cui emerge che la Tari a livello nazionale ha avuto negli ultimi cinque anni aumenti medi del 32,2 per cento. Nel 2016 il costo medio nei capoluoghi di provincia è stato di 295 euro mentre a Terni di 276,03.

Utenze domestiche L’indagine ha preso in esame le utenze domestiche, in particolare una famiglia con quattro componenti e un appartamento di 80 metri quadri. Le tariffe 2012 sono comprensive del tributo provinciale ambientale (1-5 per cento) e delle addizionali Ex Eca o Iva al 10 per cento. «In valori assoluti – si legge nello studio – il costo maggiore si registra a Benevento con 473 euro l’anno a famiglia, mentre a Pisa è di 465, a Salerno 462, a Grosseto 450. Ma ci sono anche capoluoghi dove le tariffe sono più contenute: 150 euro medi a famiglia a Belluno, a Novara 166, a Vibo Valentia 176, a Macerata 178, a Brescia 181.

Gli aumenti Nel corso dell’ultimo anno la tari è aumentata in 37 città capoluogo, tra cui Ancona, Bari, L’Aquila, Aosta. E’ rimasta stabile in 20 città, tra cui Napoli, Torino, Bologna, mentre è calata in altre 37 capoluoghi, tra cui Genova, Milano, Roma, Cagliari, Palermo. «Per Terni è interessante il confronto con le realtà vicine: Perugia 306,92 euro, Rieti 355, Roma 312,45, Viterbo 223,53. E’ sicuramente un dato positivo – spiega Gino Venturi della UIL di Terni – che la Tari in città sia sotto la media nazionale. Occorre intervenire però con decisione sul versante della qualità del sevizio eliminando anche le inadeguatezze spesso lamentate dai cittadini».

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250