venerdì 30 settembre 2016 - Aggiornato alle 03:30
27 giugno 2016 Ultimo aggiornamento alle 17:00

Terni, un gruppo di francesi al lavoro sulle mura di Collescipoli: Tesef guarda all’Europa

Una delegazione di apprendisti d’Oltralpe in città grazie ai progetti Erasmus Plus

Terni, un gruppo di francesi al lavoro sulle mura di Collescipoli: Tesef guarda all’Europa

di Massimo Colonna

Ripristinare l’antico splendore delle mura di cinta di Collescipoli tramite una malta particolare. A portare avanti il lavoro è un gruppo di apprendisti muratori francesi arrivati in Italia tramite Erasmus Plus, uno dei progetti europei messo in piedi tra Terni e Reims, città di quasi 200mila abitanti nella regione della Champagne-Ardenne. Il tutto grazie al Tesef, Terni edilizia sicurezza e formazione, nato a febbraio 2015 dalla fusione di Scuola Edile Terni e Cpt Terni, che ha portato avanti il progetto di accoglienza per i giovani francesi partecipando proprio ad una call europea.

Primo in Europa L’importanza del progetto sta anche nel fatto che per la prima volta l’istituto francese coinvolto, il Btp Cfa di Reims, ha scelto Terni come punto di riferimento per portare a termine il percorso di scuola-lavoro per i propri apprendisti. Dopo che nell’aprile scorso infatti un primo gruppo ha ottenuto un riconoscimento di specializzazione valido a livello europeo, ecco che nell’aprile prossimo ci sarà la seconda ondata di ‘diplomi’.

La malta antica Tra i 18 e i 22 anni, gli apprendisti francesi sono dunque ospiti Tesef a Terni e per un periodo di due settimane saranno al lavoro al cantiere di Collescipoli. L’obiettivo è restaurare una parte delle mura di cinta del paesino nella prima periferia di Terni, dopo che già è stata risistemato l’antico fontanile del 1907. «Lo faranno – spiegano Paolo Meriziola, presidente Tesef dal 2006, e Francesco Battaglioli, direttore Cassa Edile Terni – con una malta particolare, che punta cioè a riportare il colore delle mura a quello antico».

Apprendistato «Una collaborazione – spiega Elisabetta Prete, responsabile per i progetti europei di Tesef e al lavoro insieme al vicepresidente Tesef Stefano Paloni e agli uffici di Europe Direct per il supporto ai progetti – che va avanti dal 2013 e di cui siamo molto orgogliosi anche perché l’istituto francese ha scelto proprio noi e Terni come riferimento per portare a termine il piano di apprendistato dei suoi ragazzi. Del resto noi lavoriamo molto su progetti di questo tipo, lo facciamo sia con altre capitali europee come Madrid o con realtà come Verona e Siena, perché è importante che i giovani possano confrontarsi con visioni diverse dalla propria per un accrescimento sia professionale che culturale».

La maratona In Francia i progetti di inserimento nel mondo del lavoro puntano a far entrare i giovani in ambiti lavorativi accompagnandoli con dei piani di studio. Un po’ quanto avviene nei campus americani e un po’ quanto puntano a sviluppare i progetti di alternanza scuola-lavoro in Italia. «In Francia c’è una grande tradizione per l’edilizia – spiega il presidente Meriziola – in particolare per la lavorazione del rame e dell’ardesia nella regione di Reims. In più vengono organizzate delle vere e proprie maratone edili. Si tratta di eventi il cui vincitore viene poi anche ricevuto dal presidente della Repubblica. A testimonianza che il lavoro di operaio in quelle regioni viene seguito dall’inizio del percorso scolastico fino alle più alte specializzazioni».

Twitter @tulhaidetto

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250