mercoledì 28 settembre 2016 - Aggiornato alle 19:04
2 maggio 2016 Ultimo aggiornamento alle 19:01

Terni, sull’Uovo di Ridolfi è botta e risposta tra M5s e Andreani: spazi per barbieri e cinematografi

Riflettori puntati sull’edificio da 14 mln, l'assessore: «Opera di completamento della città»

Terni, sull’Uovo di Ridolfi è botta e risposta tra M5s e Andreani: spazi per barbieri e cinematografi

di Marta Rosati

«Duole rilevare come si definisca strategica la realizzazione di un nuovo e oneroso edificio, quando in città manca la cura del verde pubblico, le scuole hanno dotazioni ridotte ai minimi termini e le strade sono colabrodo». E la replica: «È davvero spiacevole rilevare come forze politiche giovani siano contrarie al completamento della città e al decoro di lunga durata». Questo il botta e risposta tra la consigliera Cinque stelle Patrizia Braghiroli e l’assessore all’urbanistica Francesco Andreani.

Uovo di Ridolfi Il M5s riporta in aula il caso del cosiddetto Uovo di Ridolfi, inserito dalla giunta comunale tra le opere strategiche del Dup. In un’interrogazione i Grillini hanno chiesto all’assessore all’urbanistica Francesco Andreani se sia stato affidato lo studio di fattibilità dell’opera e se sia stato individuato il comitato inter-assessorile dedicato, come previsto da una delibera del gennaio 2015.

Studio di fattibilità dell’opera Due le manifestazioni d’interesse che sarebbero pervenute a Palazzo per l’incarico ‘Studio del percorso giuridico-amministrativo ed economico-finanziario del palazzo’, ma l’assessore garantisce: «Non è stato compiuto nessun atto in tal senso, quanto deliberato dalla giunta lo scorso anno, serviva per fissare le linee guida». Nel documento dell’esecutivo, oltre alla compartecipazione finanziaria pubblico-privata per l’importo complessivo stimato attorno ai 14 milioni di euro, si leggono le possibili destinazioni d’uso dei nuovi spazi, originariamente pensati come sede di uffici comunali. Vista la recente realizzazione del cosiddetto Pentagono, l’amministrazione ha ampliato la potenziale gamma di attività che l’Uovo potrebbe covare.

Andreani: «Opera di completamento della città di Terni» Banche, uffici postali, edicole, teatri, sale concerti, case di cura, servizi alla persona, barbieri, cinematografi, centri semi-residenziali ma anche accademie, conservatori musicali, centri di ricerca universitaria, biblioteche e musei. Lo spettro è davvero ampio ma i Grillini insistono: «Perché non destinare tante energie e risorse a servizi più utili alla cittadinanza?».

Twitter @martarosati28

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250