giovedì 29 settembre 2016 - Aggiornato alle 07:01
4 maggio 2016 Ultimo aggiornamento alle 15:01

Terni, stop coltivazioni e allevamenti a Prisciano: «Servono altre analisi: è principio di precauzione»

La giunta dispone approfondimenti dopo gli ultimi monitoraggi: scatta l’ordinanza

Terni, stop coltivazioni e allevamenti a Prisciano: «Servono altre analisi: è principio di precauzione»

Serve un ulteriore monitoraggio e la conseguente sospensione delle coltivazioni e degli allevamenti nella zona di Prisciano. Questa la decisione della giunta del sindaco Leopoldo Di Girolamo in merito al quartiere Prisciano, accanto allo stabilimento della Tk Ast, da tempo al centro di polemiche per via della questione ambientale. Per l’assessore all’Ambiente Emilio Giacchetti si tratta di principio di precauzione».

La norma L’esecutivo comunale dunque mercoledì mattina ha approvato un atto di indirizzo che prevede l’individuazione di alcune aree accanto allo stabilimento Thyssen Krupp Ast «al fine di monitorare ulteriormente, unitamente alle Istituzioni competenti, i valori delle polveri sospese nell’aria derivanti dai processi di lavorazione nel parco scorie».

I precedenti Un approfondimento che arriva «a seguito dell’emersione di alcune positività emerse nel precedente monitoraggio», come si legge in un comunicato della giunta.  L’atto prevede anche «il mandato al sindaco per l’emanazione, in via cautelare, di un’ordinanza a tutela della salute pubblica per inibire la coltivazione e l’allevamento di bestiame all’aperto in una porzione del  territorio di Prisciano. Il provvedimento è conseguente alla proposta formulata dall’Asl 2 con nota del 13 aprile 2016, per un’ordinanza atta a prevenire la contaminazione delle matrici animali e vegetali».

L’assessore «Si tratta – dichiara Giacchetti – di un provvedimento cautelativo,  già adottato in situazioni analoghe e che continueremo ad adottare ogni qualvolta ce ne siano i presupposti. Il  principio di precauzione è una linea guida della nostra attività amministrativa nell’interesse della tutela dei cittadini e del territorio».

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250