6 settembre 2016 Ultimo aggiornamento alle 13:58

Terni, Stella Maris e Argoo portano  sul palco dell’anfiteatro l’Umbria voice festival

Musica e solidarietà: concorso canoro nazionale, i migliori tre vanno a Sanremo

Terni, Stella Maris e Argoo portano  sul palco dell’anfiteatro l’Umbria voice festival

Svelata la sorpresa che l’associazione Stella Maris covava da tempo: settembre è il mese dell’Umbria voice festival. Nessuno ne ha mai sentito parlare in città perché quella del 2016 è solo la prima edizione ma dietro le quinte del concorso canoro nazionale (perché di questo si tratta) stanno lavorando da mesi la direttrice artistica Amelia Milardi e il presidente dell’associazione Luca Arcangeli e l’iniziativa ha incassato il benestare del Comune di Terni che ha garantito il proprio patrocinio.

Attesi cantanti da tutta Italia L’evento, in programma per le giornate del 10 e dell’11 settembre all’anfiteatro, è collegato direttamente a San Remo giovani: i primi tre classificati infatti avranno il diritto a partecipare agli stage di selezione per il festival della canzone italiana. A valutare le performance, sarà una giuria di esperti professionisti del settore. La due giorni è stata presentata martedì mattina a palazzo Bazzani, alla presenza del sindaco Leopoldo Di Girolamo e dell’assessore comunale alla cultura Giorgio Armillei. Presente anche la cantante Alessandra Becelli.

Solidarietà «Umbria Voice ha due obiettivi – ha spiegato il numero uno di Stella Maris Arcangeli – il primo è quello legato alla solidarietà e all’aiuto ai cittadini in difficoltà, il secondo quello di seguire e guidare i migliori giovani talenti verso San Remo».  Musica e solidarietà saranno quindi i principi ispiratori del festival che vedrà avvicendarsi sul palco 95 artisti provenienti da tutta Italia. «E’ stato un grande lavoro quello di selezionare questo numero di cantanti – ha spiegato la direttrice artistica Miliardi – un numero superiore alle aspettative e del resto non poteva che essere così visto che alle pre selezioni si sono presentati addirittura in 1.500».

Progetto appoggiato dalle istituzioni «Il Comune – ha affermato Armillei – sostiene questa iniziativa perché convinto dal suo livello e del fatto che quello culturale possa essere un settore in grado di produrre reddito e posti di lavoro. Se Terni riesce a raggiungere il livello di Pil che genera la cultura su scala nazionale, può dare lavoro a circa 300 persone». «La città e il territorio – ha aggiunto il presidente della Provincia Di Girolamo – continuano a scommettere sul manifatturiero in chiave moderna, ma accanto a questo si può inserire il fattore culturale non solo sotto l’aspetto della crescita personale e della comunità ma anche sotto quello economico ed occupazionale. Umbria Voice è ovviamente anche un evento solidaristico in una città che da sempre dimostra di essere aperta e solidale».

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250