lunedì 26 settembre 2016 - Aggiornato alle 19:18
7 agosto 2016 Ultimo aggiornamento alle 12:22

Terni Reti, slitta la nomina della dirigenza: il parcheggio di corso del Popolo resta in stand by

Il Comune affida alla nuova partecipata i servizi ex Atc ma non l’area di sosta. Intanto Melasecche attacca sulla zona di San Francesco: «Degrado e nessuno controlla»

Terni Reti, slitta la nomina della dirigenza: il parcheggio di corso del Popolo resta in stand by

di Massimo Colonna

Il parcheggio di corso del Popolo non rientra nella nuova gestione di Terni Reti che invece eredita i servizi di Atc, ossia aviosuperficie Leonardi, Ztl e parcheggio San Francesco. E inoltre la stessa Terni Reti dovrà aspettare il rientro dalle vacanze per sapere chi formerà il nuovo management, al momento in proroga. Queste le ultime indicazioni che emergono da Palazzo Spada che negli ultimi giorni ha definito il nuovo piano di lavoro dopo la riorganizzazione delle partecipate.

Atc liquidata Con Atc in liquidazione dunque il 16 novembre scorso Terni Reti, l’azienda che ha assorbito anche la liquidazione dell’altra controllata comunale Usi, è stata individuata dall’amministrazione come nuovo gestore dei servizi che in precedenza erano curati dalla Atc servizi. Si tratta appunto della gestione di ingressi e multe all’interno della zona a traffico limitato, dei voli all’aviosuperficie Alvaro Leonardi di Maratta e del parcheggio interrato a pagamento di San Francesco.

Le delibere  Tutti passaggi che la giunta Di Girolamo ultimamente ha ufficializzato con tre diverse delibere. In questo pacchetto però non è stato inserito il parcheggio di corso del Popolo, che rappresenta una patata bollente nelle mani dell’amministrazione. L’area di sosta infatti non rientrava formalmente in Atc servizi, ma nella sua azienda ‘satellite’, ossia Atc parcheggi, anch’essa però finita in liquidazione. Ecco dunque che la gestione del parcheggio di corso del Popolo non finirà, almeno per il momento, sotto la gestione di Terni Reti.

La commissione Anche perché ultimamente gli ultimi accordi presi sono finiti oggetto anche della commissione controllo e garanzia del presidente Federico Pasculli del Movimento Cinque Stelle, che via via ha ascoltato i diversi esponenti politici e tecnici che hanno portato all’accordo, datato 7 luglio 2005, tra Comune, Atc parcheggi e Corso del Popolo Spa, società di progetto costituita dalla Todini Costruzioni Generali Spa e dalla Ediltevere Spa, ossia l’azienda che ha costruito il parcheggio. La questione dunque dovrà essere affrontata in futuro su un altro tavolo. Nel frattempo non sono ancora stati nominati i vertici della nuova partecipata Terni Reti: in pole position resta comunque il nome di Sandro Corradi, ultimo presidente di Atc. Al momento resta in sella il presidente Vincenzo Montalbano Caracci che però potrebbe a breve cedere il posto.

Melasecche Intanto sulla gestione dei parcheggi Enrico Melasecche, consigliere di I Love Terni, lista civica di opposizione, annuncia che presenterà una interrogazione sul degrado della zona di San Francesco. «Il caso in esame – si legge in una nota – riguarda l’abbandono di tutta l’area verde che fu realizzata venti anni fa trasformando la vecchia via della Rinascita, allora bitumata alla meno peggio, nel parcheggio San Francesco e che ha valorizzato non solo piazza Dalmazia ma l’intero centro storico cittadino. Un arredo di prim’ordine, panchine e muretti in travertino curatissimo, porfido a terra, una fontana oggi quasi sempre vuota ed un canale che dovrebbe far defluire l’acqua verso una cascatella. La manutenzione è assegnata all’Atc che incassa notevoli proventi dal parcheggio e che avrebbe dovuto provvedere. Mai controllore e controllato hanno tradito il proprio ruolo come nel caso in esame, con un danno notevole anche in termini economici. Copertine in travertino divelte, scritte ovunque, ma la cosa che fa più male sono gli alberi ormai secchi a decine e decine, probabilmente a causa della irrigazione che non funziona».

@tulhaidetto

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250