martedì 27 settembre 2016 - Aggiornato alle 14:07
13 luglio 2016 Ultimo aggiornamento alle 16:59

Terni, regolamento raccolta rifiuti: Giacchetti si dice meravigliato dalla posizione del M5s

De Luca: «No a pugno duro da subito su trasgressori», assessore all’ambiente lo bacchetta

Terni, regolamento raccolta rifiuti: Giacchetti si dice meravigliato dalla posizione del M5s

«Il senso civico è fondamentale, ma serve anche il regolamento», l’assessore all’ambiente Emilio Giacchetti  ritenendo «ottimo il confronto avviato in terza commissione» è rimasto basito per le considerazioni fatte in merito, dall’esponente Cinque stelle Thomas De Luca.

M5s Il consigliere grillino, nel corso dell’ultima seduta dedicata al piano normativo e sanzionatorio della raccolta differenziata aveva chiesto di attivare un periodo di controlli senza multe, una sorta di campagna di sensibilizzazione prima di gravare sulle tasche dei cittadini. Mercoledì è arrivato il commento di Giacchetti: «Desta meraviglia un solo aspetto, che si sia detto contrario al regolamento, in particolare nelle parti che prevedono il rispetto delle  norme, il rappresentante dei Cinque Stelle, proprio quella forza politica che dice di voler fare del rispetto della legalità una bandiera».

Palazzo Spada Le dichiarazioni dell’assessore fanno dunque pensare che l’amministrazione non è intenzionata a fare sconti come peraltro suggeriva il consigliere di I love Terni Enrico Melasecche. «Nella raccolta porta a porta – dichiara Giacchetti –  il senso civico è fondamentale, i cittadini devono, quindi, essere informati, coinvolti, messi a corrente di tutti benefici che la differenziata porta in termine ambientali ed economici, non si possono raggiungere risultati importanti in termini di percentuali se ognuno di noi non dà il suo contributo, separando i rifiuti e conferendo nei giorni stabiliti. Sono sicuro che il senso civico dei ternani sarà visibile ma serve comunque anche un regolamento che fissi delle norme che devono essere rispettate per non incorrere in sanzioni».

Via Bramante Intanto l’azienda Usl Umbria 2 comunica che entro il mese di luglio sarà attivata la raccolta differenziata in tutte le strutture sanitarie che insistono nel territorio comunale. In questi giorni, il servizio rifiuti sanitari, in collaborazione con i tecnici dell’Asm, sta distribuendo i contenitori necessari alla raccolta differenziata da collocare nelle sedi dei servizi, nelle sale di attesa e nei punti ristoro. Sono stati inoltre diffusi in tutti i distretti Asl gli opuscoli e le locandine della campagna informativa alla quale di fatto l’azienda sanitaria aderisce in questo modo per favorire il corretto conferimento dei rifiuti.

Leopoldo Di Girolamo «La raccolta differenziata – commentano dall’Ausl –  è il modo più efficace per mantenere e salvaguardare le risorse naturali del pianeta, a vantaggio nostro, dell’ambiente in cui viviamo ma soprattutto delle generazioni future. Riutilizzare e riciclare i rifiuti, dalla carta alla plastica, al vetro, al legno, ai medicinali, alle pile esauste, contribuisce a restituirci e conservare un ambiente più ricco e salubre». Il sindaco di Terni Leopoldo Di Girolamo ha espresso apprezzamento per l’iniziativa Asl: «Fondamentale – ha detto  – la collaborazione tra le istituzioni e i cittadini per migliorare ambiente e qualità di vita. È una testimonianza importante della collaborazione che viene da imprese pubbliche e private e che chiediamo anche a tutti i cittadini, consapevoli dei disagi che, soprattutto in questa prima fase di attivazione, potranno esserci».

La replica di De Luca Sulla vicenda torna poi lo stesso De Luca con una nota in cui approfondisce il suo intervento e contrattacca l’assessore Giacchetti. «La posizione attribuitami da parte dell’assessore Giacchetti è palesemente falsa e frutto della pura fantasia. A smentire le deliranti affermazioni di Giacchetti sono le registrazioni e i verbali della commissione che certificano una profonda disonestà intellettuale che non merita alcun commento. Nostro interesse è però informare la cittadinanza delle nostre proposte, delle nostre considerazioni sul regolamento al netto delle bufale dell’assessore. Nel corso della seduta il M5S ha presentato 7 emendamenti che chiedono in primo luogo l’inserimento di due punti chiave: che i proventi delle sanzioni siano totalmente destinati ad un fondo per l’abbassamento della Tari e per il potenziamento della raccolta; che venga istituito un periodo transitorio che vada dai 3 ai 6 mesi in cui i controlli a tappeto abbiano l’obiettivo di correggere ed informare i cittadini inadempienti sospendendo le sanzioni. Ovviamente, è bene chiarire, non ci riferiamo alle violazioni ed ai reati puniti dalla legge nazionale e regionale ma alle nuove disposizioni comunali previste dal regolamento. Il nuovo regolamento è costruito su un sistema di raccolta grottesco, obsoleto e che trova le sue massime criticità nella raccolta condominiale. Un sistema destinato a fallire che ci condurrà ad una emergenza rifiuti estiva con la città completamente sommersa dalla monnezza. Per questo è necessario che il regolamento sia un documento aperto a correzioni e modifiche anche dopo la sua approvazione».

 

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250