domenica 25 settembre 2016 - Aggiornato alle 00:34
17 maggio 2016 Ultimo aggiornamento alle 17:54

Terni, picchia la moglie in casa: 37enne espulso. Marito torna dopo due anni e vuole il negozio

Due storie di violenza sulle donne che hanno richiesto l'intervento della polizia. Nelle ultime ore denunciata anche coppia di ternani, ricaricano Postepay e scappano

Terni, picchia la moglie in casa: 37enne espulso. Marito torna dopo due anni e vuole il negozio
Violenza donne (foto archivio)

Picchiata ancora una volta nel cuore della notte. Sono stati gli agenti della squadra volante di Terni a intervenire intorno alle due e trenta del mattino in un’abitazione di Campomicciolo a seguito della telefonata al 113 fatta da una donna terrorizzata.

Picchia la moglie: espulso Gli agenti hanno trovato nell’abitazione il marito, un trentasettenne di nazionalità tunisina, che aveva nuovamente aggredito la moglie, già in passato vittima di violenze che aveva anche denunciato alla polizia, salvo poi ritirare la querela. L’uomo, già noto per droga e più volte indagato per immigrazione clandestina, è risultato presente in Italia senza alcun titolo e per questo gli agenti hanno fatto scattare a suo carico il provvedimento di espulsione che sarà eseguito a stretto giro col rimpatrio.

Marito torna dopo due anni e vuole il negozio Minacciata dal marito, invece, una donna di nazionalità rumena titolare di un’attività commerciale in via Eugenio Chiesa. La poveretta ha chiamato la polizia spiegando di aver paura di entrare nel negozio a causa dell’ex marito, tornato a farsi vivo dopo averla abbandonata con la figlia due anni fa. L’uomo, già noto per reati contro la persona e guida in stato di ebbrezza, pretendeva in sostanza di gestire il negozio con la ex moglie, che dopo essere rimasta sola si era rimboccata le maniche per far fronte alle esigenza della figlia, riuscendo ad affittare un’abitazione e ad avviare un’attività, presentando peraltro anche istanza di separazione. Quando gli agenti sono arrivati in via Chiesa hanno trovato l’uomo di fronte al negozio e lo hanno accompagnato in questura dove gli è stata formalizzata la denuncia per minacce e violazioni degli obblighi familiari.

Coppia di ternani nei guai Nei guai anche una coppia di ternani, lei diciottenne e lui trentenne. I due sono entrati alcune sere fa in una tabaccheria del quartiere Cospea e hanno richiesto la ricarica di 300 euro su una carta Postepay, salvo poi al momento del pagamento allontanarsi con la scusa di andare a prendere il portafogli in auto. Sul posto è stato tempestivamente richiesto l’intervento dei poliziotti che hanno fermato e denunciato la giovanissima per insolvenza fraudolenta, mentre il trentenne si è presentato in questura soltanto la mattina seguente, rimediando analoga denuncia. Nelle ultime ore e nell’ambito dei controlli del territorio effettuati dalla squadra volante e dagli uomini del Reparto prevenzione crimine di Umbria e Marche è stato fermato in zona stazione ferroviario un cittadino tunisino privo di documenti. Accompagnato in questura, l’uomo è risultato sprovvisto di permesso di soggiorno e gravato da precedenti per spaccio. A suo carico è scattata l’espulsione.

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

-->

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250