domenica 25 settembre 2016 - Aggiornato alle 00:35
17 maggio 2016 Ultimo aggiornamento alle 19:38

Terni, Piacenti D’Ubaldi in terza commissione: «Nel 2016 gestione commissariale delle risorse»

Palazzo Spada risparmia 1,2 mln sul personale, 570 mila euro per uffici giudiziari e 700 mila per trasporto percolato: ecco le misure strutturali per aggredire disavanzo da 3,5 mln

Terni, Piacenti D’Ubaldi in terza commissione: «Nel 2016 gestione commissariale delle risorse»
Palazzo Spada (foto Rosati)

di Mar. Ros.

«Il bilancio 2016 è centrale per questa amministrazione per completare il risanamento strutturale dell’ente, la gestione delle risorse nel corso di questo anno dovrebbe essere di natura commissariale». È così che l’assessore al bilancio Vittorio Piacenti D’Ubaldi, in terza commissione, estremizza un concetto semplicissimo: perché i conti tornino pian piano a posto sarebbe opportuno impegnare giusto le spese obbligatorie per legge.

Il preventivo arriva sui banchi della terza comissione «Questo – esordisce l’assessore coi commissari – è il primo bilancio della nuova era contabile avviata dal governo nazionale. Le nuove regole consentono di impostare il rendiconto previsionale sul triennio 2016-18 diviso per titoli, missioni e programmi e rispettando il pareggio complessivo di entrate e uscite e, per il solo 2016,garantendo il pareggio anche in termini di cassa, cioè gli enti per quest’anno sono autorizzati a spendere quanto incassano e non quanto impegnano, un sistema volto a eliminare progressivamente i residui». Senza dubbio una svolta per Palazzo Spada vista l’incapacità di riscuotere certificata dal collegio dei revisori dei conti.

Il Documento unico di programmazione «Legato al bilancio c’è la nota di variazione del Dup che tiene conto della discussione avvenuta a gennaio sul faldone. Il documento programmatico 2017-2019 a regime, dovrà essere ridiscusso per la deliberazione entro fine luglio. L’amministrazione sta lavorando – garantisce Piacenti D’Ubaldi – perché il consiglio abbia le carte in tempi ragionevolmente adeguati». Annuncio che fa esultare i commissari viste le recenti difficoltà in questo senso.

Fondo crediti di dubbia esigibilità «Il pareggio di bilancio 2016 si attesta sul valore di  427 milioni e 817 mila euro. Nella nota integrativa c’è il cosiddetto fondo crediti di dubbia esigibilità, che rappresenta la principale novità del nuovo sistema di contabilità, perché rappresenta un vincolo per l’ente nel disporre risorse. La costituzione del fondo per l’anno in corso è di oltre 8 milioni e 240 mila euro, di cui 5 milioni circa sono di competenza 2016, già iscritti nel rendiconto 2015. La vera novità – fa presente l’assessore – è rappresentata da un sistema volto a eliminare tutta la gestione dei residui. È stato attivato un accantonamento – prosegue – da 1 milione, sulla base delle stime fatte dagli uffici competenti, per le possibili perdite delle partecipate, un ulteriore milione è per la riconciliazione di crediti e debiti con le stesse; è pari a 800 mila euro invece il fondo per la possibile soccombenza dei contenziosi».

Coprire il buco da 3,5 milioni «Le modalità di ripianamento del disavanzo 2015 (3,5 milioni circa) nel corso dell’anno corrente sono già note come l’aumento del 15% delle rette per le mense, il risparmio di  1,2 mln di euro di spese per il personale, la riduzione di 570 mila euro per gli Uffici giudiziari e 700 mila euro di risparmio per il trasporto del percolato rispetto all’anno precedente. Tali misure sono strutturali quindi puntiamo alla conferma nei prossimi anni. Ulteriori economie di spesa saranno frutto di operazioni ordinarie, come il turn over che secondo le previsioni permetteranno all’ente di risparmiare 500 mila euro nel 2017 e 800 mila nel 2018. A queste si aggiunge potenzialmente l’applicazione della pre Fornero che garantirebbe un’ulteriore riduzione di 500 mila euro, ma per questo sono in corso valutazioni».

Twitter @martarosati28

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250