giovedì 29 settembre 2016 - Aggiornato alle 18:57
16 maggio 2016 Ultimo aggiornamento alle 17:54

Terni, passa il bilancio consuntivo 2015: scontro tra giunta, maggioranza e opposizione

Ok con 21 voti a favore e 8 contrari. Melasecche: «Frutto di 15 anni di follie». Scontro Piacenti-5Stelle: «Da voi nessuna proposta». Pasculli: «Sei come il capitano del Titanic»

Terni, passa il bilancio consuntivo 2015: scontro tra giunta, maggioranza e opposizione

di Massimo Colonna

Passa il bilancio consuntivo 2015 con forti polemiche tra maggioranza, giunta e opposizione. Tanto che Melasecche (I Love Terni) parla di «bilancio storico frutto di quindici anni di follie». E l’assessore Piacenti che litiga con i 5Stelle: «Da voi nessuna proposta, solo critiche», con Pasculli che replica: «Sei come il capitano del Titanic e gli altri assessori continuano a suonare il violino, ma la barca affonda». Alla fine il voto sul documento che fotografa i conti 2015 passa alle 19.45 con 21 voti a favore e 8 contrari. Ok con gli stessi numeri anche all’atto d’indirizzo proposto da Andrea Cavicchioli a nome Pd e degli altri gruppi di maggioranza.

L’atto del Pd Nell’atto si impegna «il sindaco e la giunta ad ottemperare alle prescrizioni, indicazioni e osservazioni dell’organo di revisione, ponendo in essere i necessari atti e adempimenti per ogni profilo». Un passaggio che per Enrico Melasecche corrisponde a «una sostanziale sfiducia alla giunta, perché la maggioranza evidentemente non si fida».

Forza Italia «Le criticità le abbiamo ascoltate molte volte – ha spiegato Francesco Ferranti di Forza Italia – anche da parte di questa giunta. Non si vede perché si dovrebbe continuare a darle fiducia. L’assessore Piacenti ha detto che la capacità di spesa sarà limitata al necessario: tutto ciò evidenzia in modo palese quale sarà lo scenario futuro: la città non avrà più un sindaco, ma un curatore fallimentare, assistito da un esecutore che sarà l’assessore Piacenti».

Le forze di maggioranza Per Faliero Chiappini (Città Aperta) «le soluzioni possono essere cercate con una riflessione non tanto sulle entrate tributarie quanto sul patrimonio, con il percorso delle alienazioni sul quale si sta lavorando per recuperare risorse. L’altra questione riguarda la necessità d’implementare le entrate dalle partecipate». Per Silvano Ricci di Sinistra per Terni «i bilanci di un ente pubblico non possono essere letti solo in chiave economica. Noi dobbiamo dare risposte alla città e ai cittadini».

I conti non tornano Per Todini (Il Cammello) invece «ci sono una serie di partite di esigibilità dubbie, ed è stato fatto un eccessivo ricorso alle anticipazioni di cassa. Ci sono considerazioni tecniche ma anche una valutazione tombale sulla capacità di questa amministrazione di gestire le proprie risorse». «Nel programma di Di Girolamo per le ultime elezioni – ha detto Federico Pasculli – c’era scritto che la città aveva superato lo tsunami finanziario ed economico, oggi, a fronte di questo consuntivo, potremmo dire: ritentate sarete più fortunati». Marco Cecconi (FdI) ha ricordato che la giunta «aveva promesso di non mettere le mani nelle tasche dei cittadini. Avevamo detto che era una bufala e avevamo ragione. Oggi si paga il peso di politiche scellerate di bilancio perpetrate per decenni che si ripercuoteranno sulle tasche dei ternani».

La replica dell’assessore Alle critiche dell’opposizione ha replicato lo stesso assessore D’Ubaldi. «Non deve sfuggirci che il bilancio è anche fatto di amministrazione e di politica. Non dobbiamo dimenticare che il 2015 è stato un anno difficilissimo per gli enti locali, il peggiore, perché non solo ci troviamo dentro una crisi economica generale, ma perché abbiamo subito una riduzione generalizzata dei trasferimenti».

Sindaco Martedì è intervenuto il sindaco Di Girolamo: «Voglio esprimere tutto il mio apprezzamento per il sostegno dimostrato dal consiglio comunale chiamato a discutere una importante sessione dedicata al bilancio. Un ringraziamento particolare ai consiglieri della maggioranza che lunedì sera hanno approvato il rendiconto di gestione 2015 dimostrando coesione e unità di intenti. Sono molto soddisfatto per la qualità del dibattito e l’atteggiamento assunto dalla maggioranza, che ha dato, ancora una volta, prova del senso di responsabilità nei confronti dell’Amministrazione e dei cittadini. Un particolare ringraziamento va agli uffici e all’assessore Vittorio Piacenti d’Ubaldi per l’ottimo lavoro svolto, in una manovra finanziaria di non facile natura».

Twitter @tulhaidetto  

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250