venerdì 30 settembre 2016 - Aggiornato alle 01:49
1 agosto 2016 Ultimo aggiornamento alle 07:52

Terni, ok del consiglio al nuovo Palasport. Bucari e Giacchetti: «Voto storico»

Questione viabilità agita l’aula, addio emendamento prima commissione e passa riformulazione griffata Chiappini: passi e sottopassi nel piano triennale opere pubbliche

Terni, ok del consiglio al nuovo Palasport. Bucari e Giacchetti: «Voto storico»

di Mar. Ros.

Passa con 21 voti favorevoli e nove astensioni il progetto preliminare di fattibilità tecnico ed economica del nuovo palazzetto dello sport. Nessun contrario ma è innegabile che la discussione sia stata piuttosto lunga e segnata da picchi di tensione non indifferenti. Per i due assessori coinvolti, Emilio Giacchetti e Stefano Bucari «un successo». Il vicepresidente del Coni umbro Moreno Rosati: «Una scelta che renderà Terni ancor più competitiva nello sport».

Palasport Al dibattito sulla nuova struttura multifunzionale si è arrivati in aula lunedì primo agosto, col bagaglio di quanto emerso in prima commissione. Sui banchi del consiglio insomma l’atto fortemente voluto dall’assessore ai lavori pubblici è arrivato sui banchi con l’ingarbugliato nodo viabilità che ha riempito le bocche di tutti gli esponenti politici, da destra a sinistra, passando per i Cinque stelle. Condivisa l’idea che siano necessarie misure per la sicurezza e la vivibilità della zona stadio dove il palazzetto dovrebbe sorgere.

Nodo viabilità Nell’ultima seduta di commissione, il capogruppo di Progetto Terni Luigi Bencivenga aveva costretto l’esecutivo a inserire in delibera un sottopasso carrabile nei due sensi di marcia che collegasse tramite piccola bretella il parcheggio del cimitero alla direttrice viale Borzacchini-viale dello Stadio e un passaggio ciclopedonale sotto la ferrovia fra la piscina dello stadio la Curva Nord San Martino e il parcheggio del cimitero (già nel piano triennale delle opere pubbliche).

Il tira e molla degli emendamenti Un nuovo confronto interno alla maggioranza deve però aver convinto i consiglieri a riformulare il testo dell’emendamento condiviso dalla prima commissione. I due interventi e il sottopasso ciclopedonale sotto viale dello Stadio per accesso alla ‘città dello sport’ saranno inseriti, secondo quanto approvato su indicazione di Faliero Chiappini di Città aperta (con emendamento) nel piano triennale delle opere pubbliche e degli stessi sarà fatta menzione nel project financing. Agli occhi dell’opposizione è parso un ‘ribaltamento di frittata’, ma il capogruppo Pd Andrea Cavicchioli ha garantito: «In questo modo è messa in evidenza la volontà dell’esecutivo di realizzare quelle opere e l’impegno a reperire le risorse necessarie».

La giunta di Palazzo Spada Soddisfazione è stata espressa da Bucari e Giacchetti al termine dell’approvazione: «Si tratta di un voto storico per la città – dichiarano a Umbria 24 -, del palazzetto dello sport si parla almeno da vent’anni ma mai prima d’ora c’era stata una simile certezza. La realizzazione di questa struttura è il tassello che completa capacità attrattiva della Terni sportiva che vogliamo, già naturalmente dotata di infrastrutture sensazionali per gli sport outdoor, ora finalmente potrà dare risposte di livello anche per le attività indoor dando forza al sogno di un brand dedicato. L’approvazione dell’atto è anche merito di una maggioranza assolutamente compatta».

Coni «Si tratta di un intervento atteso da una vita – commenta Rosati -; dopo la ristrutturazione delle piscine, l’adeguamento del ciclo pattinodromo e l’intervento di restyling del parco di Cardeto (cantiere in corso d’opera con impianti sportivi di grande qualità) solo per fare alcuni esempi ora si procede con il palazzetto dello sport e si dà il via per il bando che andrà a dare in gestione il camposcuola previo ristrutturazione della pista di atletica. Questo è molto altro ancora a favore del movimento sportivo locale e nazionale».

Twitter @martarosati28

 

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250