venerdì 30 settembre 2016 - Aggiornato alle 12:02
27 maggio 2016 Ultimo aggiornamento alle 10:19

Terni-Narni, Proter: «Territorio ideale per investire nella chimica di terza generazione»

Poker di progetti ammessi, finanziamento medio oscilla dai 300 mila euro al milione

Terni-Narni, Proter: «Territorio ideale per investire nella chimica di terza generazione»

MULTIMEDIA

Guarda le foto

Da via delle Fibre a Terni, Proter lancia la riflessione sull’industria manifatturiera a livello globale nell’ambito della prima conferenza della chimica di terza generazione. Dal pull di imprenditori fissato un punto: «La Conca e l’area narnese rappresentano il territorio ideale per investire nel settore».

Fotogallery

Via delle fibre a Terni Quattro sono gli scenari ipotizzati da Proter per il rilancio del manifatturiero: la verticalizzazione delle produzioni di acciaio, quella del titanio, la chimica green e il polipropilene in applicazioni di nicchia. Altrettanti sono i progetti ammessi a finanziamento dall’advisory board di Proter: Kerline. 3D Yarn, Color.Ar.Um. e Neocarpet. «Proter – ha dichiarato Marco Mazzalupi, fondatore dell’iniziativa imprenditoriale – oggi vuole contribuire al rilancio del manifatturiero e creare nuova occupazione investendo per l’innovazione in progetti di ricerca italiana». «L’Italia – ha aggiunto  l’amministratore delegato Andrea Aparo von Flüe – è un Paese ancora ricco di persone che hanno abilità, passione e voglia di fare impresa. Occorre però avere alle spalle competenze composite, lavorare in squadra, unendo analisi economico-finanziaria a indagine tecnologica, a costruzioni strategiche».

Kerline Come ben suggerisce il nome, tale progetto è volto a produrre cheratina, la proteina non alimentare tra le più abbondanti al mondo sarà ottenuta da scarti di produzione in particolare da piume animali o dalla lana di scarto dei processi di filatura. Utilizzata in vari settori, dal farmaceutico al medicale, alla cosmesi, si stima che in Italia se ne consumino 84 tonnellate l’anno.

3D Yarn La seconda sfida Proter e sull’offerta di polipropilene destinato al mercato di stampa 3D. Il prodotto ha due benefici fondamentali: eco-sostenibilità ed economicità rispetto ad altre resine. Il business di 3D Yarn si basa sulla restituzione ed  il ritiro del polipropilene usato contestuale alla consegna a cliente del nuovo ordine, così da abbattere il costo di produzione (uso del riciclo) e gli impatti ambientali dello smaltimento. «Quello della stampa 3D – riferiscono dal team Proter – è un mercato da 2,6 miliardi di dollari, destinato a crescere del 30% da qui al 2019.

Color.Ar.Um. Tra i progetti ammessi a finanziamento, c’è anche quello volto a creare pigmenti naturali da coltivazioni locali. Color.ar.um punta a creare una filiera integrata che sfrutti le potenzialità del territorio umbro oggi non coltivato, in tutto il processo produttivo, quindi coltivazione di piante tintorie, raccolta e separazione delle sue componenti, estrazione del colorante ed eventuale precipitazione, utilizzo e valorizzazione delle altre componenti della pianta a scopo energetico e non.

Neocarpet A completare il poker c’è il progetto volto alla realizzazione di tappeti e moquette di design e colorazioni alternative attraverso una strategia che si fonda su flessibilità e sostenibilità del prodotto, utilizzando materiali compatibili tra loro. Il prodotto ottenuto ha l’obiettivo di garantire l’integrazione verticale dei materiali utilizzati in funzione del loro riutilizzo, utilizza l’Nbf (Neofil Bio Fiber), un nuovo filato a base poliammidica derivante al 100% da risorse rinnovabili vegetali. «Nel corso del 2018 – è stato detto – si prevede che la domanda globale di rivestimenti per pavimenti aumenterà del 4,5% annuo per raggiungere i 19,4 miliardi di metri quadrati».

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250