mercoledì 28 settembre 2016 - Aggiornato alle 12:16
3 maggio 2016 Ultimo aggiornamento alle 17:10

Terni, la giunta firma il bilancio di previsione: accordo con la prefettura sui tempi

Ok dall’esecutivo al triennale: scambio di mail con il palazzo del governo, scadenza fissata al 20 maggio e raffica di sedute consiliari. Recupero dell'evasione fiscale: c'è un atto

Terni, la giunta firma il bilancio di previsione: accordo con la prefettura sui tempi
Palazzo Spada (foto Marta Rosati)

di Massimo Colonna

C’è l’ok dalla giunta al bilancio di previsione 2016-2018 e ora, dopo uno scambio di mail con la prefettura, ecco che la nuova scadenza è quella del 20 maggio per l’ok definitivo da parte del consiglio comunale. Per questo sono in programma una raffica di sedute a Palazzo Spada, dal 16 fino al 19 maggio.

Il commento dell’assessore Dopo aver approvato il bilancio consuntivo 2015 ecco dunque che l’esecutivo ha messo la firma anche sul documento economico relativo ai prossimi tre anni, come vogliono le nuove norme nazionali. Il primo a commentare è direttamente l’assessore al Bilancio Vittorio Piacenti D’Ubaldi tramite una nota sul sito del Comune. «La pressione fiscale comunale per il 2016 è destinata, nel suo complesso, rispetto al precedente esercizio, a diminuire in quanto l’innalzamento della quota di esenzione dell’addizionale comunale dell’Irpef avrà effetti sostanziali e duraturi».

Gli aumenti Il bilancio non prevede aumenti del peso tariffario per i cittadini per il 2016. Aumenti invece potrebbero arrivare per alcuni capitoli dell’Imu. “In merito al 2017 – spiega il rappresentante dell’esecutivo – agli aggiustamenti ipotizzati per il gettito Imu, si tratta di norme di salvaguardia. Innanzitutto non riguardano le aliquote che rimangono invariate, c’è una diminuzione dei benefici di alcune esenzioni, ma se troveremo ulteriori tagli nella spesa potranno essere tranquillamente rivisti. E’ garantita in ogni caso l’equità tra le diverse categorie di contribuenti. Sulla Tari si tratta di un adeguamento tecnico per l’introduzione normativa del fondo per i crediti insussistenti. Se raggiungeremo l’obiettivo del recupero prefissato, anche sulla Tari ci sono margini di flessibilità”.

Lavoro su evasione fiscale Su questo fronte la giunta sta lavorando ad documento per favorire il recupero della evasione fiscale, un elemento critico per Palazzo Spada soprattutto dopo il parere dei revisori dei conti che hanno messo in evidenza uno scarso rientro dei crediti comunali, in particolare per il settore multe stradali.

Twitter @tulhaidetto  

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250