mercoledì 28 settembre 2016 - Aggiornato alle 00:20
3 agosto 2016 Ultimo aggiornamento alle 19:40

Terni, la commissione in Bct: «Fondi già stanziati ma ancora niente interventi per la sicurezza»

Visita dei consiglieri ai locali della biblioteca: «Una delibera resta ancora inattuata»

Terni, la commissione in Bct: «Fondi già stanziati ma ancora niente interventi per la sicurezza»

di Mas. Col.   

«I fondi ci sono ma non sono stati impegnati: servono subito interventi per la sicurezza». E’ questo il messaggio che esce dalla prima commissione di Palazzo Spada che mercoledì mattina ha effettuato un sopralluogo nei locali della biblioteca comunale. Il tutto dopo un atto di indirizzo presentato a febbraio scorso dai consiglieri del Movimento Cinque Stelle. Nel mirino c’è la delibera di giunta 157 del 2014.

Il sopralluogo Di primo mattino dunque il gruppetto di consiglieri di commissione accompagnati dal presidente Faliero Chiappini e dal dirigente del Comune Andrea Zaccone ha fatto visita alla biblioteca per fare il punto sullo stato dei lavoro di sistemazione di alcuni punti. Lavori relativi alla messa in sicurezza e per cui il Comune aveva già finanziato la somma di 150 mila euro. Soldi dunque già finanziati. Gli interventi che erano stati decisi a seguito di quella delibera riguardano alcuni punti dei tetti e dei cornicioni su cui anche nel recente passato erano nati dei problemi soprattutto di tenuta. Il sopralluogo ha preso atto di questa situazione: in alcuni punti c’è bisogno di interventi, anche se si tratterebbe di piccole manutenzioni per cui potrebbero anche bastare meno di 150 mila euro di quelli previsti.

Questione sicurezza «Quando si parla di sicurezza – ha spiegato Silvano Ricci, consigliere di Sinistra per Terni durante il sopralluogo – non bisogna badare a spese, soprattutto visto che stiamo parlando di una struttura pubblica che ospita ogni giorno centinaia di persone e di giovani. Per questo bisogna fare immediata chiarezza su questa vicenda». Sulla stessa lunghezza d’onda l’intervento di Marco Cecconi, consigliere di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale: «La giunta ora ci dica che fine hanno fatto questi soldi: sono stati stornati ed utilizzati per un diverso utilizzo? Vorremo sapere, anche perché parliamo di sicurezza e dunque la situazione non può essere tirata troppo per le lunghe».

L’atto dei Cinque Stelle L’iniziativa della prima commissione nasce da un atto di indirizzo presentato a febbraio scorso dai consiglieri del Movimento Cinque Stelle Federico Pasculli, Valentina Pococacio e Patrizia Braghiroli, proprio in merito alla mancata spesa di quei fondi che erano stati già finanziati dopo la delibera. Nei progetti comunali erano previsti «smontaggio e rimontaggio della copertura in cristallo previa bonifica e risanamento delle strutture portanti in acciaio verniciato; risanamento strutturale e conservativo della fascia marcapiano e dello sporto di gronda; rifacimento condotte di smaltimento acque piovane». A questo punto la commissione elaborerà un documento per chiedere alla giunta che fine abbiano fatti gli interventi programmati: i tempi slittano a dopo la pausa estiva.

@tulhaidetto

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250