sabato 1 ottobre 2016 - Aggiornato alle 06:54
21 agosto 2016 Ultimo aggiornamento alle 14:58

Terni, insegna Erg nel mirino di Italia nostra: «Insulto all’architettura di Bazzani»

Marchio luminoso del gruppo industriale sulla palazzina di Galleto

Terni, insegna Erg nel mirino di Italia nostra: «Insulto all’architettura di Bazzani»

«La mega insegna luminosa a Galleto è un insulto a Bazzani». Così la definisce l’avvocato Marco Sansoni di Italia nostra.

Centrale di Galleto a Terni Da mesi la scritta Erg campeggia sulla facciata di quello che è considerato un simbolo dell’architettura del primo Novecento. La centrale idroelettrica a due passi dalla Cascata delle Marmore. E, se di giorno la si può non notare, di notte certamente non sfugge: «C’è voluto l’avvento dell’industriale Garrone – commentano dall’associazione -, si tratta di una magniloquente palazzina progettata quasi un secolo fa da Cesare Bazzani. Né Enel, né Endesa, né E.On, pur ampiamente disattenti sullo stato dei propri immobili, si erano permessi di toccare lo storico edificio. E chi in passato lo fece, come la Società Terni, mostrò ben altra misura e classe. Ma è questione di stile: forse qualcuno ha scambiato Galleto per una stazione di servizio».

Erg hydro Un’insegna, secondo Italia nostra, contraria agli equilibri estetici ma l’associazione va oltre: «Sta crescendo – denuncia Sansoni – il degrado visuale di un’area di particolare pregio ambientale naturalistico e architettonico, la Valnerina e la zona delle Marmore sempre più attaccate dal modernismo pubblicitario. Il fatto che Garrone abbia riversato alla E.On 950 milioni di euro per la concessione idroelettrica – ammonisce – non autorizza comunque iniziative del genere. Anziché violentare l’architettura di Cesare Bazzani  Erg piuttosto rilasci l’acqua nei corpi fluviali secondo quanto stabilito dalle normative internazionali, a partire da quei 4,5 mc/sec individuati anni fa da Arpa e Università di Perugia quale flusso minimo riservato alle Marmore, eviteremmo figuracce coi turisti».

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250