mercoledì 28 settembre 2016 - Aggiornato alle 15:41
20 luglio 2016 Ultimo aggiornamento alle 11:59

Terni, in giunta scoppia il caso Briccialdi: manca intesa su proroga, 5 dipendenti tornano in Comune

Riunione tesa dell’esecutivo del sindaco Di Girolamo: gruppo spaccato sull’accordo con l’istituto musicale. In attesa di novità i lavoratori rientrano a Palazzo Spada

Terni, in giunta scoppia il caso Briccialdi: manca intesa su proroga, 5 dipendenti tornano in Comune

di Massimo Colonna

La giunta si spacca sul caso Briccialdi e intanto cinque dipendenti comunali che prestavano servizio nell’istituto rientrano a Palazzo Spada, in attesa di un accordo economico ma a questo punto anche politico. La spaccatura è emersa dalla riunione dell’esecutivo Di Girolamo andata in scena mercoledì mattina nelle sale di Palazzo Spada: sul tavolo c’era proprio la delibera che puntava a rinnovare la proroga di accordo tra Comune e Briccialdi. Accordo però che ha diviso la maggioranza e che è stato alla fine ritirato dallo stesso sindaco.

La riunione Così mercoledì mattina ecco la riunione degli assessori con all’ordine del giorno l’aggiornamento del documento: l’ultimo accordo tra le parti era quello firmato a gennaio 2016 e che aveva fissato come scadenza l’approvazione del bilancio triennale di previsione. Dunque a bilancio approvato ecco la decadenza dell’accordo, più volte già prorogato nel 2015 proprio in mancanza di un accordo economico tra le parti e anche di una linea politica precisa, al di là delle discussioni alzate nei vari consigli comunali che hanno affrontato l’argomento e delle prese di posizione ufficiali.

Il dirigente A presentare la delibera con la proposta di proroga è stato il dirigente Andrea Zaccone, dopo diversi passaggi negli uffici tecnici. Il documento però ha di fatto diviso a metà l’esecutivo: i contrari, tra cui gli assessori Christia Falchetti Ballerani, Stefano Bucari, Vittorio Piacenti D’Ubaldi e Carla Riccardi, hanno messo sul tavolo il fatto che l’accordo è stato prorogato più e più volte e che i tempi sono ormai scaduti.

Undici amministrativi A quel punto al sindaco Di Girolamo non è rimasto altro da fare che ritirare la delibera. L’effetto immediato è quello che riguarda i cinque dipendenti comunali che prestano servizio ‘comandato’ all’istituto: tutti e cinque (l’istituto in totale ne ha undici per l’amministrativo, quindi altri sei), tramite una apposita determinazione comunale, torneranno a disposizione di Palazzo Spada in attesa di novità. Novità che a questo punto riguardano più la parte politica che quella economica, viste le divisioni emersa in giunta. In questo senso l’ultimo documento stilato dalla giunta è la delibera 442 del 30 dicembre 2015 in cui si parlava, tra le altre questioni, di documenti di indirizzo strategico per il triennio 2016-2018 e di un piano di razionalizzazione da stilare da parte dell’istituto.

@tulhaidetto  

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250