martedì 27 settembre 2016 - Aggiornato alle 19:13
13 giugno 2016 Ultimo aggiornamento alle 18:49

Terni, il Comune risparmia sul personale: «Nell’ultimo triennio tagli per oltre 3 milioni»

L'assessore Ballerani: «Palazzo Spada virtuoso nella gestione del personale»

Terni, il Comune risparmia sul personale: «Nell’ultimo triennio tagli per oltre 3 milioni»

«Il Comune di Terni nella gestione del personale è virtuoso anche per quanto riguarda la riduzione della spesa, nell’ottica di recuperare risorse e di contribuire agli equilibri di bilancio. Non è un caso che in questi anni il Comune di Terni non abbia mai subito richiami o prescrizioni dagli organismi di vigilanza». A fare il punto sui costi e sulle politiche del personale è direttamente l’assessore competente di Palazzo Spada Cristhia Falchetti Ballerani tramite una nota pubblicata sul sito comunale.

Parametri rispettati «Non solo sono stati rispettati parametri e adempimenti – spiega l’assessore – ma è stato fatto molto di più, individuando risparmi di una portata che non trova riscontri in economie di altri settori di spesa. Dal 2013 al 2015 sono stati effettuati risparmi per 3 milioni e 300 mila. Dal 2016 al 2019 verranno recuperate risorse per altri 895 mila euro. Complessivamente si arriverà a un minore esborso di 4 milioni e 200 mila euro, una cifra consistente, un risultato politico di buona amministrazione in quanto raggiunto senza modificare la qualità dei servizi comunali e senza penalizzare il personale, in particolare nelle sue aspettative pensionistiche».

Legge Madia A far scattare i numeri sarà anche l’applicazione della legge Madia, che verrà utilizzata a scapito della pre Fornero, rimasta in ballo per diverse settimane ma ritenuta troppo penalizzante a livello economico per i dipendenti interessati. «La legge Madia – prosegue la Ballerani – permette risparmi consistenti senza penalizzazioni pensionistiche. Una scelta politica ben precisa, che evita stravolgimenti degli introiti del personale che va a riposo e che richiama comunque a una maggiore responsabilità di quello rimasto in servizio. Dal 2013 il personale del Comune è diminuito di almeno 100 unità, in calo anche il numero dei dirigenti sceso di 4 unità e delle posizioni organizzative ridotte di 10 unità».

La partita sindacale «Aspetto non secondario – conclude l’assessore – è che i risparmi effettuati, la diminuzione costante e consistente del personale che attualmente si attesta sotto le 800 unità, è avvenuta senza alcun contenzioso o tensione sindacale, un elemento importante non solo per la continuità dei servizi ma anche perché si sono evitati contenziosi legali o monetizzazioni di voci contrattuali non rispettate che avrebbero portato un appesantimento di alcune voci di bilancio. Come assessore continuo a lavorare ad ogni altra forma di efficientamento delle risorse umane a disposizione e di recupero di risorse, tenendo insieme le esigenze economiche dell’ente con il rispetto dei diritti acquisiti dai lavoratori, seguendo in tal senso le indicazioni del sindaco».

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250