venerdì 30 settembre 2016 - Aggiornato alle 18:50
11 luglio 2016 Ultimo aggiornamento alle 15:20

Terni, il Comune punta i 18 milioni messi a bando dal governo: «Riqualifichiamo le periferie»

La giunta incarica un pool di tecnici: la zona interessata va dalla stazione fino a viale Brin. Apertura anche ai privati ma tempi stretti: scadenze luglio e agosto. Cgil soddisfatta

Terni, il Comune punta i 18 milioni messi a bando dal governo: «Riqualifichiamo le periferie»

di Massimo Colonna

Il Comune di Terni punta ai 18 milioni messi a disposizione dal bando aperto dalla presidenza del consiglio dei ministri per la riqualificazione urbana. Ma i tempi sono stretti: entro la fine di luglio i privati e gli altri enti che vorranno partecipare in coprogettazione dovranno presentare le carte, affinché entro fine agosto tutto sia formalizzato a Roma. «Un percorso – ha spiegato il sindaco Di Girolamo alla presentazione del progetto – che prosegue sulle linee già tracciate da questa amministrazione».

Un pool di tecnici A presentare la delibera che detta gli indirizzi di lavoro lunedì mattina il primo cittadino Leopoldo Di Girolamo insieme ai suoi assessori Daniela Tedeschi (Commercio), Francesca Malafoglia (Welfare), Francesco Andreani (Urbanistica), Cristhia Falchetti Ballerani (Polizia municipale) e Emilio Giacchetti (Mobilità). Ossia tutti i responsabili dei settori che saranno coinvolti nel programma nel caso in cui la partecipazione al bando andrà a buon fine.

I temi Diversi i temi che potranno essere sviluppati, come si legge nella delibera: «Il miglioramento del decoro urbano, il recupero di aree e strutture pubbliche per finalità di pubblico interesse, l’accrescimento della sicurezza e capacità di resilienza, il potenziamento delle prestazioni e servizi di scala urbana con particolare riferimento alla sfera del sociale, la mobilità sostenibile e l’adeguamento delle strutture destinate a servizi sociali, culturali, educativi, didattici».

L’area Sant’Agnese «La zona individuata – ha spiegato l’assessore Andreani – è quella nella fascia est del centro città, ovvero quella che ricomprende a partire da nord, l’area della stazione ferroviaria, la zona ex Bosco-Camuzzi, il quartiere Sant’Agnese, parco Rosselli, viale Brin fino a Largo Staino escluso». Qui dunque prenderanno vita i progetti che, se tutto andrà bene, potranno essere realizzati con la partecipazione anche di altri enti o istituzioni. In palio ci sono fino a 18 milioni di euro per i capoluoghi di provincia.

Il percorso partecipativo «La pianificazione degli interventi – ha spiegato la vicesindaco Malafoglia – è arrivata anche dopo un percorso di partecipazione e di confronto con le diverse realtà del territorio. Un metodo già sperimentato da Palazzo Spada in particolare per le politiche del Welfare e che ci ha portato a ottimi risultati e su cui continueremo a puntare anche in futuro».

Nuovo ruolo della polizia «Per quanto riguarda la sicurezza – ha sostenuto l’assessore Ballerani – il progetto prevede la valorizzazione del ruolo degli agenti di polizia municipale in questa zona della città, ovviamente non a scapito di altri quartieri. Puntiamo su un ruolo diverso dagli agenti, che non sia solo di presidio ma anche di collaborazione e di prossimità attiva con la popolazione».

La Cgil Intanto la Cgil di Terni «apprende con soddisfazione la decisione del Comune di aderire al bando. Un’importante occasione per la città che come Cgil, insieme al Sunia, avevamo segnalato in una conferenza stampa, proprio per spingere l’amministrazione locale a cogliere la palla al balzo. A questo punto occorre aprire una fase di reale partecipazione che coinvolga le parti sociali e le associazioni cittadine, per costruire un progetto comune che possa recuperare e rilanciare aree della nostra città».

Twitter @tulhaidetto

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250