martedì 27 settembre 2016 - Aggiornato alle 14:07
22 agosto 2016 Ultimo aggiornamento alle 11:53

Terni, giallo sulla lettera di dimissioni dell’assessore Riccardi

La prof non smentisce né conferma: «Certe comunicazioni deve farle il sindaco»

Terni, giallo sulla lettera di dimissioni dell’assessore Riccardi
Sindaco Di Girolamo

di M. R.

Col consiglio comunale in ferie anche il sindaco Leopoldo Di Girolamo pare essersi concesso qualche giorno di riposo da impegni istituzionali e grattacapi politici, uscendo dai confini nazionali. Secondo indiscrezioni, il primo cittadino di Terni sarebbe turista a Madrid e se la vacanza porta consiglio non poteva scegliere destinazione migliore per ‘prendere (al ritorno) il toro per le corna’: la questione rimpasto è ormai sospesa da troppo tempo e a Palazzo Spada si riprende a mormorare sull’argomento con l’assessore alla scuola Carla Riccardi sempre nell’occhio del ciclone.

Rimpasto di giunta Stando a quanto riportato da alcuni quotidiani, la prof avrebbe consegnato la lettera di dimissioni circa un mese fa. Dal sindaco nessuna comunicazione ufficiale, dalla dirigente scolastica nessuna smentita, fatto sta che nell’ultimo mese la Riccardi ha lavorato come membro effettivo della giunta deliberando ad esempio sui Sec: «Fino a prova contraria l’assessore sono io». Su questo non c’è dubbio ed è sicuro che il primo cittadino non abbia riferito alcunché in merito alla presunta dimissionaria, i colleghi di giunta sembrano non saperne nulla.

L’assessore Carla Riccardi Raggiunta telefonicamente da Umbria 24, comunque, la preside non smentisce: «Certe comunicazioni le deve dare il sindaco, se non lo fa o fin quando non lo farà non corrisponde a verità, la mia attività nel corso dell’ultimo mese è rimasta quella di sempre». Anche questo è vero, ma la lettera potrebbe giacere sul tavolo di Di Girolamo in attesa di risposta, magari mentre lo stesso sindaco continua ad elaborare lo schema della sua nuova squadra, per la quale almeno fino a qualche settimana fa era in pole l’architetto Anna Amati e rimanevano border line la Riccardi e la Tedeschi, con ventilate novità persino su Armillei. Agosto è agli sgoccioli, se il numero uno di Palazzo Spada si è deciso a fare il rimpasto, i tempi sono ormai maturi.

Forza Italia Intanto la prima reazione al mistero sulle dimissioni della Riccardi arriva da Fi:  «Se corrisponde a verità, il fatto assumerebbe una connotazione davvero preoccupante oltre che offensiva nei confronti dei cittadini ternani. Com’è possibile che un assessore si dimetta senza che il primo cittadino non senta la necessità di comunicare il tutto almeno con due righe di comunicato stampa? Le dinamiche presenti all’interno della giunta non sono di interesse esclusivo del Partito democratico. Sarà interessante vedere come il sindaco riuscirà a sbrogliare la matassa. Si richiede un’immediata delucidazione su quel che realmente è avvenuto con l’eventuale assunzione di responsabilità da parte del ‘silenziator cortese’».

@martarosati28

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250