venerdì 30 settembre 2016 - Aggiornato alle 03:30
13 maggio 2016 Ultimo aggiornamento alle 18:06

Terni, Forza Italia attacca giunta e Pd: «Partecipate, ambiente e università: così non va»

Nevi: «Situazione grave, serve cambio di strategia. Bene il nostro impegno sui rifiuti»

Terni, Forza Italia attacca giunta e Pd: «Partecipate, ambiente e università: così non va»

di Massimo Colonna

«La situazione per Terni è grave e dal mio punto di vista regionale lo è ancora di più». Raffaele Nevi, capogruppo di Forza Italia in Regione, attacca la giunta Di Girolamo e il Partito democratico in conferenza stampa appoggiato anche da Sergio Bruschini e Francesco Ferranti, i responsabili provinciali e comunali del partito. Ambiente, università e situazione delle partecipate: questi i temi su cui Forza Italia punta di più l’attenzione.

Ambiente L’ultimo impegno degli azzurri in ordine di tempo in città è quello relativo all’ambiente, con il capogruppo Ferranti tra i primi firmatari, insieme ad altri consiglieri dell’opposizione, dell’atto che ha permesso il consiglio straordinario sui rifiuti. «Grazie al nostro lavoro – spiega Ferranti – abbiamo preso degli impegni scritti con la giunta e con il Partito democratico affinché Terni non sia ancora sommersa dai rifiuti. La questione ambientale è troppo importante e i cittadini non possono essere presi in giro: il nostro impegno su questo fronte è stato massimo e continuerà anche in occasione degli stati generali sull’ambiente di metà giugno».

Le partecipate Nel mirino di Forza Italia finisce anche il discorso delle partecipate: in primo piano il progetto dell’amministrazione comunale di privatizzare una parte di Asm. «Non siamo a priori contrari alle privatizzazioni – prosegue Ferranti – ma in questo caso c’è il forte rischio che la vendita di quote Asm serva solo per fare cassa e per coprire un bilancio che non tiene».

Dalla Regione «Siamo molto preoccupati per il futuro della città – racconta Nevi – perché questi che governano a Terni stanno facendo la guerra al mondo intero. Invece oggi più che mai c’è bisogno di fare squadra e stanno mettendo a rischio il futuro della città stessa. Ho letto con terrore alcune uscite dell’assessore alla Cultura (Giorgio Armillei, ndr) sull’università: si parla di federazione di atenei, di campus e multicampus. Invece c’è bisogno di mettersi tutti intorno ad un tavolo e cercare la soluzione migliore, senza fare a chi la spara più grossa. E soprattutto il Pd non può concepire l’università come una sua succursale».

Twitter @tulhaidetto

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250