martedì 27 settembre 2016 - Aggiornato alle 17:33
17 giugno 2016 Ultimo aggiornamento alle 12:39

Terni, esperti a convegno sulla sordità e nuove tecnologie: dal 2010 screening per oltre 5 mila neonati

Sabato dalle 9 alle 14 confronto all'hotel Garden per diagnosi precoce, prevenzione e terapia

Terni, esperti a convegno sulla sordità e nuove tecnologie: dal 2010 screening per oltre 5 mila neonati
I dottori Crescenzi e Rizzo

Sordità nei bimbi e negli adulti. Saranno gli sviluppi tecnologici e le novità per la diagnosi precoce, ma anche prevenzione e terapia, i temi al centro del convegno organizzato per il 18 giugno dai reparti di  Otorinolaringoiatria e Neonatologia-TIN (terapia intensiva neonatale) dell’ospedale di Terni che all’hotel Garden di Terni dalle 9 alle 14 hanno promosso l’appuntamento col dichiarato obiettivo di favorire un aggiornamento e una integrazione tra medici specialisti, medici di medicina generale e pediatri di libera scelta.

Sordità nei bimbi e negli adulti La sordità è una patologia che interessa tutte le fasce di età ed è al quarto posto tra le malattie invalidanti a livello globale. La perdita dell’udito nei bambini costituisce un problema socio-sanitario particolarmente grave perché può compromettere un corretto sviluppo psicologico per tutta la vita, pregiudicando o ritardando l’acquisizione e la produzione del linguaggio, rendendo meno efficiente sia il periodo di apprendimento scolastico sia l’integrazione sociale del bambino. Nell’adulto la sordità determina vari gradi di disagio fino all’isolamento sociale nei casi più gravi. Tra le cause di sordità si individuano fattori genetici e fattori acquisiti nei vari momenti della vita (prenatali, connatali, post-natali). Per questo, programmi di prevenzione volti ad individuare precocemente i neonati a rischio di ipoacusia infantile sulla base dei fattori eziologici sono stati introdotti fin dal 2007 (Joint committee on Infant hearing o Jcih). In particolare in Umbria, a partire dal 2010 sono stati attivati dei programmi di screening universale diretti a testare la totalità dei nuovi bambini nati mediante test rapidi e del tutto privi di effetti collaterali quali le otoemissioni acustiche e i potenziali evocati del tronco encefalico.

A Terni dal 2010 oltre 5 mila screening su neonati Al Santa Maria di Terni lo screening audiologico universale, che vede coordinarsi le strutture complesse di Otorinolaringoiatria, diretta da Santino Rizzo, e Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale, diretta da Francesco Crescenzi, ha riguardato dal dicembre 2010 al dicembre 2015 un totale di 5.116 neonati, che rappresentano il 100% dei nuovi nati nei 60 mesi di osservazione. I neonati testati comprendevano 4.492 bambini senza fattori di rischio noti (nati a termine, normopeso, con indice di Apgar superiore a 8) e 624 bambini ricoverati presso l’unità operativa di Terapia Intensiva Neonatale, nati pretermine o con qualsiasi tipo di patologia evidente alla nascita, considerata con fattore di rischio audiologico. Tra questi, 29 non hanno superato lo screening monolateralmente o bilateralmente e sono stati inviati ad ulteriori iter diagnostico-riabilitativi. La sordità negli adulti viene invece indagata e trattata presso la struttura complessa di Otorinolaringoiatria mediante la routinaria esecuzione di esami audiometrici, impedenzometrici, otoneurologici e attraverso iter terapeutici chirurgici o riabilitativi secondo necessità. In questo progetto è fondamentale la collaborazione dei pediatri di base e dei medici di medicina generale, sia per recuperare i pazienti che par vari motivi possono perdersi durante le varie fasi dello screening sia per indirizzare e informare i pazienti adulti che ancora oggi, troppo spesso, sono rassegnati a sentire male e non ricercano un corretto trattamento.

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250