martedì 27 settembre 2016 - Aggiornato alle 22:39
30 agosto 2016 Ultimo aggiornamento alle 12:23

Terni, dal Galles alla Bosnia ecco Folking Carsulae: tutto pronto per la settima edizione

Al via la festa con musica, tradizione e canti popolari: spettacoli anche in centro

Terni, dal Galles alla Bosnia ecco Folking Carsulae: tutto pronto per la settima edizione

di Massimo Colonna

Musica, canti e danze popolari. Un miscuglio di tradizioni che arrivano dalle parti più disparate d’Europa, dal Galles fino alla Bosnia. E’ ancora un mix di cultura a caratterizzare la settima edizione di Folking Carsulae, l’appuntamento organizzato dall’associazione DiversaMente con il contributo di diverse istituzioni tra cui il Comune di Terni. Scenario della manifestazione, che andrà in scena il 2 e il 3 settembre, non solo il parco di Carsulae ma anche il centro città, Torreorsina e Collesecco.

Settima edizione Si tratta della settima edizione, la terza consecutiva a Carsulae, che quest’anno sarà anche settimo memorial Carla Borghetti in ricordo dell’ex presidente dell’associazione. «E’ prima di tutto una festa – spiega Fausto Scoppetta, presidente DiversaMente – con colori, suoni, danze e canti che arriveranno da diverse parti d’Italia e d’Europa. Purtroppo qualche gruppo quest’anno, come quello della Sicilia, è stato costretto a rinunciare per la paura del terremoto, ma siamo alla settima edizione e possiamo dire che stiamo crescendo». In campo ci saranno i gruppi di Alatri in Provincia di Frosinone, di Macerata, Bolzano, della Bosnia e del Galles, oltre a quello umbro.

L’identità Alla presentazione dell’evento a Palazzo Spada ha preso parte anche l’assessore alla Cultura Giorgio Armillei. «Il nostro è un sostegno convinto alla manifestazione – ha spiegato – perchè per questa giunta è importante che la città coltivi la propria identità in questo modo, ossia aprendosi agli altri, mettendo in relazione la propria identità con quella di altri gruppi. E’ questo il modello giusto, contrariamente a chi pensa che si debba difendere a tutti i costi la propria identità, centimetro dopo centimetro, senza aprirsi agli altri». L’assessore non ne parla esplicitamente ma il riferimento è al Cantamaggio, su cui da anni si dibatte sul tema dell’apertura al nuovo, al moderno. Al lavoro su Folking Carsulae, oltre al Comune di Terni, anche la Regione Umbria, la Provincia di Terni, la Fondazione Carit, la Camera di Commercio, la Pro Loco di Collesecco di Montecastrilli, la cooperativa Actl Alis che cura il sistema culturale di Carsulae.

@tulhaidetto

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250