lunedì 26 settembre 2016 - Aggiornato alle 05:37
3 giugno 2016 Ultimo aggiornamento alle 15:29

Terni, caso pozzi d’acqua nel sito Ast: Giacchetti chiarisce il giallo sull’ordinanza del sindaco

L’assessore all’ambiente ricostruisce la vicenda e scaccia le polemiche: «Nessuna contraddizione e nessun favore alla Thyssenkrupp, agito secondo dati a disposizione»

Terni, caso pozzi d’acqua nel sito Ast: Giacchetti chiarisce il giallo sull’ordinanza del sindaco

«Nessun occhio di riguardo, né penalizzazione nei confronti di Ast; il Comune ha agito nell’interesse della salute pubblica secondo i dati via via a disposizione». Così l’assessore all’ambiente Emilio Giacchetti si difende dalle accuse del M5s e chiarisce quanto avvenuto nella serata di mercoledì.

Il curioso caso dei pozzi Ast «Per l’amministrazione comunale quello che conta è il rispetto delle norme e la tutela della salute dei cittadini – dichiara Giacchetti – Nessuna contraddizione nell’operato del Comune, abbiamo agito di volta in volta seguendo i dati al momento a disposizione». Stando alla ricostruzione dell’assessore, l’Arpa avrebbe comunicato i risultati dei campionamenti delle acque di falda dell’area degli stabilimenti Ast, confermando un quadro di contaminazione. «I dati pervenuti erano riferiti ai punti di prelevamenti fissati da protocollo – dice Giachetti – ed è stata la stessa Arpa a suggerire un’ordinanza contingibile ed urgente che vietasse l’uso delle acque a scopo domestico, irriguo, igienico, sanitario nonché idropotabile in attesa di ulteriori approfondimenti».

Il sindaco emette l’ordinanza «Il Comune si è attivato prontamente – prosegue Giacchetti – seguendo anche in questa vicenda i principi di trasparenza, tutela della salute e precauzione. Nelle ore susseguenti all’ordinanza Ast ha fatto sapere che i due pozzi utilizzati per gli usi potabili all’interno dello stabilimento erano a norma. Pozzi che non rientravano nella prima comunicazione di Arpa in quanto i punti di campionamento sono, da protocollo, altri. Il rispetto dei valori è stato confermato da Arpa. A questo punto il Comune di Terni ha preso atto della meglio delineata situazione e ha escluso dal divieto i due pozzi risultati a norma».

Palazzo Spada si difende «L’Amministrazione Comunale ribadisce la sua linea di attenzione massima ai temi ambientali, come già dimostrato nelle vicende dei suoli inquinati nelle aree di Prisciano e Maratta, negli impianti di termodistruzione, nelle risorse idriche. Nello specifico il Comune chiede un approfondimento della vicenda delle risorse idriche che rientrano nell’area Ast e nelle immediate vicinanze, anche per capire meglio per quali motivi ci siano attingimenti interessati da contaminazioni ed altri no. Una richiesta legittima che è propria di tutti i soggetti interessati, dagli utilizzatori di quelle risorse, alle associazioni ambientaliste, alla città nel suo complesso».

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250