domenica 25 settembre 2016 - Aggiornato alle 07:26
9 settembre 2016 Ultimo aggiornamento alle 14:16

Terni, caos in commissione sul piano di recupero del Verdi: atti tornano in giunta, Andreani furioso

Contrario solo Piccinini, l'assessore sbotta: «Al voto dell'aula anche con parere contrario»

Terni, caos in commissione sul piano di recupero del Verdi: atti tornano in giunta, Andreani furioso
teatro verdi (foto Rosati)

di Marta Rosati

Colpo di teatro per il Verdi, è proprio il caso di dirlo perché dopo un primo confronto risalente allo scorso aprile, il piano di recupero proposto dall’esecutivo di Palazzo Spada è tornato in commissione, salvo poi essere rinviato alla giunta stessa come un boomerang. L’assessore Francesco Andreani: «Cadesse il governo della città, portiamo in consiglio comunale questo piano anche col parere contrario della commissione». Il dem Renato Bartolini propone di rispedire l’atto al mittente e i colleghi consiglieri approvano; tra gli aventi diritto al voto, contrario solo Piccinini mentre il presidente Faliero Chiappini si astiene. Andreani fa il gesto di andarsene ed esclama: «Bisogna decidere, la città aspetta».

Commissione ‘inciampa’ su nuovi volumi Torna in discussione il teatro Verdi e sul tavolo c’è il piano di recupero elaborato dalla giunta «con la definizione – spiega l’assessore all’urbanistica Francesco Andreani – dei volumi che consentono la prosecuzione del progetto. Per permettere una ristrutturazione del teatro in chiave Poletti che resta una delle potenziali soluzioni in campo – prosegue – è necessario un ampliamento dei volumi in altezza e nelle superfici di servizio alla torre scenica». Queste le esigenze che già avevano destato qualche perplessità tra i commissari in sede di sopralluogo nella parte posteriore dell’edificio: «Per via dell’Ospedale – ha detto Andreani – c’è la disponibilità a modificare il piano in modo che restino almeno 10 metri di distanza dalle pareti finestrate dei palazzi di fronte». Di fatto però la formale proposta di emendamento non c’è e la commissione lo fa pesare.

Il caso del Rup Nel frattempo ad appalto già assegnato alla ditta Giovannini, come anticipato da Umbria24, è cambiato il responsabile unico del procedimento. Il rup dei lavori appaltati e presumibilmente prossimi all’avvio non è più l’architetto Monica Finotto ma il suo collega Mauro Cinti. Il consigliere di I love Terni Enrico Melasecche ha chiesto spiegazioni in merito e da parte dell’assessore la risposta è stata: «L’amministrazione ha piena stima di entrambi i funzionari, non è una scelta di indirizzo politico ma di totale autonomia del dirigente tantomeno credo ci siano particolari questioni dietro».

La partecipazione dei cittadini A innescare la miccia poi è l’esponente Fd’I-An Marco Cecconi: «La città è alla ricerca di una soluzione per il Verdi, l’avvio del primo cantiere è un passo in avanti ma le nuove volumetrie potrebbero scatenare contenziosi a catena e non possiamo permetterci in futuro  un blocco dei lavori. Forse, sarebbe il caso di coinvolgere i cittadini che vivono nei palazzi ‘interessati’ per formalizzare un accordo preventivo». Sulla stessa lunghezza d’onda il presidente Faliero Chiappini (Città aperta) e il commissario Franco Todini (Il Cammello). «Trovare nuovi spazi per il teatro – ha replicato Andreani – è una questione urbana e collettiva, riguarda tutta la città, non possiamo farci dire dai cittadini cosa possiamo fare come spesso vorrebbe il presidente Faliero Chiappini, l’importante è muoversi nel rispetto delle regole perché talvolta si incontrano persone che hanno la sola intenzione di ‘far saltare i tavoli’».

Lo spettro dei contenziosi «Stiamo bene attenti – ammonisce Melasecche – perché in passato il Comune di Terni di schiaffoni dal Tar per mancato rispetto delle leggi in materia di urbanistica ed edilizia». A difesa dell’assessore spende parole invece il consigliere del Pd Sandro Piccinini: «Il recupero del Verdi può ridare speranza, condivido l’impostazione di Andreani, c’è bisogno di scegliere e in fretta». «Ok alla partecipazione – suggerisce Silvano Ricci di Sinistra per Terni – ma con gli utilizzatori del teatro». Un po’ fuori dalle righe, ma apprezzato anche dall’opposizione il democratico Bartolini: «A me pare surreale già solo il fatto che si intervenga su questa parte del teatro senza avere visione e risorse per il recupero complessivo del teatro. Qui rischiamo di ristrutturare un pezzo e di doverci rimettere le mani tra molti anni quando le parti sistemate avranno già subito deterioramenti». Sul finire della seduta la commissione decide di rinviare la delibera in giunta e l’assessore non gradisce affatto.

@martarosati28

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250