venerdì 30 settembre 2016 - Aggiornato alle 01:49
24 giugno 2016 Ultimo aggiornamento alle 16:00

Terni, bolletta idrica meno salata per chi ha reddito basso: 150 mila euro da Sii e Ati4

Di Girolamo sul nuovo acquedotto: «Un'opera simile andrebbe elogiata»

Terni, bolletta idrica meno salata per chi ha reddito basso: 150 mila euro da Sii e Ati4
I vertici di Ati4 e Sii

di M. R.

«È motivo di orgoglio poter confermare per il quarto anno consecutivo un fondo economico di aiuto alle famiglie con basso reddito». Con queste parole il presidente del Sii Stefano Puliti lancia il bando a favore delle cosiddette utenze deboli, concertato insieme all’Ati4 e alle associazioni Adiconsum, Adoc, Cittadinanzattiva e Federconsumatori. A disposizione, per chi ha un Isee pari o inferiore a 12 mila euro, ci sono 150 mila euro per ammortizzare i costi della bolletta dell’acqua. «Il nostro Ati – ha detto il sindaco presidente dell’Ambito Leoopoldo Di Girolamo – è stato il primo in Italia ad adottare questo strumento, segno di attenzione verso consumatori per un bene primario come l’acqua»

Solidarietà Il fondo è riservato alle utenze domestico-residenziali che non godano già della tariffazione sociale e aventi Isee inferiore o uguale a 12 mila euro. Il fondo è suddiviso in due linee di contributo: quella da 54 mila euro, la cui graduatoria privilegerà gli utenti con Isee più basso, è finalizzata alla corresponsione  di 17,52 euro pro capite (pari all’importo del consumo di 30 litri d’acqua al giorno per ogni abitante). La seconda è da 96 mila euro, di questi per chi ha Isee fino a 8 mila euro il contributo pro capite sarà di 53,14 (70%) per un Isee fino a 10.500 euro saranno 26,50 (35%), il contributo si riduce a 15,18 euro per chi ha Isee compreso tra i 10.501 e i 12 mila. Per la presentazione della domanda c’è tempo fino alle 13 del 31 ottobre 2016 e il modulo con le specifiche dei documenti da allegare è scaricabile dal sito della Sii www.siiato2.it o quello dell’Ati www.ati4umbria.it ma è altresì reperibile presso le sedi delle associazioni dei consumatori coinvolte, i front office del Servizio idrico e gli uffici della cittadinanza dei Comuni. La consegna può avvenire tramite Pec, a mezzo raccomandata o consegnata a mano.

Acquedotto Terria-Pentima E intanto mentre il sindaco spiega che «le tariffe dell’Ati4 associate al consumo di acqua si stanno avvicinando alla media nazionale dopo i grandi investimenti sostenuti nel 2008 per la costituzione dell’Ambito con annessi e connessi» la Sii rende noto che «in bolletta risparmia chi consuma meno e chi accede alla graduatoria del bando, in caso di morosità, non subirà il distacco del servizio». L’ormai consueto appuntamento con la presentazione del fondo di solidarietà, quest’anno vale pure come buona occasione per parlare del discusso acquedotto Terria-Pentima: «I lavori sono cominciati, il progetto rientra nei nostri piani ormai da anni ed entro 2018 dovrà essere in funzione – afferma Puliti – e l’opera ci permetterà di non attingere dai pozzi della valle, così altamente vulnerabili all’inquinamento». Rispetto a questo il sindaco la dice fuori dai denti: «A me sembra tutto un po’ assurdo – dice Di Girolamo – perché proprio mentre Arpa ci parla di situazione critica e sempre più siamo costretti a procedere per ordinanze, c’è chi si lamenta perché porteremo in città un’acqua pulita. Il fiume Nera non sarà danneggiato e gli studi fatti lo dimostrano, una simile opera andrebbe elogiata».

Twitter @martarosati28

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250