mercoledì 28 settembre 2016 - Aggiornato alle 12:15
13 settembre 2016 Ultimo aggiornamento alle 17:18

Terni, Andreani minaccia le dimissioni in aula e il sindaco minimizza: «Irrituale ma è tutto ok»

Mercoledì sera confronto in maggioranza, Forza Italia: «È tempo di andare al voto»

Terni, Andreani minaccia le dimissioni in aula e il sindaco minimizza: «Irrituale ma è tutto ok»

«Nessuna frattura tra la giunta e la maggioranza in consiglio comunale», così il sindaco Leopoldo Di Girolamo tenta di allontanare gli spettri che aleggiano su Palazzo Spada dopo le dichiarazioni choc dell’assessore all’Urbanistica Francesco Andreani e tra chi spera sia l’ora del rimpasto e chi teme contraccolpi, c’è l’opposizione che cavalca l’onda, dal coordinamento provinciale di Forza Italia: «Situazione precaria, è ora di andare al voto». Intanto per mercoledì è stata convocata una riunione di maggioranza, ‘al via lavaggio dei panni sporchi’.

Caso assessore Andreani «Quanto accaduto in Consiglio Comunale, seppure irrituale, non è affatto segno di fratture tra giunta e maggioranza, il cui rapporto rimane solido, ne è testimonianza – dichiara il primo cittadino –  il voto unanime di approvazione su un atto importante quale il bilancio di Farmacia Terni. Si è evidenziato in questi ultimi tempi una divergenza di impostazione del lavoro tra la giunta, autorevolmente rappresentata dall’assessore Andreani e la prima  commissione, col rischio di ‘tenere a mollo’ atti importanti. Dobbiamo lavorare per creare affinità nell’interesse generale della città. In questi anni di governo il senso di responsabilità e la presa in carico degli interessi della comunità ternana, hanno sempre prevalso sulla diversità di vedute interne, caratteristiche del centrosinistra e che non si improvvisano».

Forza Italia Di tutt’altro avviso, ovviamente, l’opposizione:  «Le esternazioni dell’assessore Andreani e la vicenda legata alle farmacie municipali – tuonano dal coordinamento provinciale di Forza Italia – sono solamente l’apice di una narrazione deprimente che ha un unico protagonista, ovvero la maggioranza. Se non si ha la capacità di gestire la cosa pubblica e c’è disagio cronicizzato a Palazzo Spada e d’intorni, che senso ha andare avanti? Tanto vale tornare immediatamente al voto».

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250