mercoledì 28 settembre 2016 - Aggiornato alle 10:32
19 aprile 2016 Ultimo aggiornamento alle 15:29

Terni, 34enne denuncia Renzi e Napolitano per le dichiarazioni sul referendum

In questura per querelare il presidente del Consiglio e l’ex Capo dello Stato: «Hanno istigato all’astensionismo, non è possibile in un Paese democratico»

Terni, 34enne denuncia Renzi e Napolitano per le dichiarazioni sul referendum
La questura di Terni

di M. R.

Si presenta in questura e denuncia Matteo Renzi e Giorgio Napolitano per aver consigliato agli italiani di non recarsi alle urne domenica 17 aprile. Questo il gesto compiuto da una 34enne residente a Terni, «amareggiata per l’atteggiamento delle istituzioni».

Da Terni una denuncia per Renzi e Napolitano Le dichiarazioni del premier Renzi rispetto al referendum sulle trivelle, alle quali hanno fatto eco quelle del senatore a vita Giorgio Napolitano hanno indignato parte dell’opinione pubblica. Ora, anche se in verità circa il 70% degli elettori ha seguito il loro consiglio astenendosi dal voto, nei confronti del Presidente del consiglio e dell’ex Presidente della Repubblica sono partite, come riportato da alcuni quotidiani nazionali, formali denunce nei loro confronti.

«Minacciata la democrazia» L’atteggiamento di Renzi e Napolitano è stato considerato «scorretto e illegale, i due hanno violato l’articolo 98 del Testo unico sulle leggi elettorali del 1957». La signora che si è rivolta alla Digos ha detto a Umbria 24: «Quello che sta succedendo è gravissimo e in un paese che si proclama democratico non possono né devono accadere cose di questo genere».

Twitter @martarosati28

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

-->

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO
  • Primo Secondo

    Spero che questa signora sia una cittadina non impelagata con la politica altrimenti…..ci sarebbero interessi, no ?
    La voce della protesta deve nascere dalla popolazione, dai cittadini non mentalmente manipolati e non da fazioni politiche opposte (per modo di dire, i padroni, quelli veri, sono sempre gli stessi). Occorre coraggio e volontà, ma innanzitutto la consapevolezza che la più grande rivoluzione che si possa fare è dentro la propria mente. Rispetto per il prossimo, onestà, correttezza, servizio agli altri e pulizia mentale sono alla base di un vero radicale cambiamento. Basta con la prostituzione mentale, il servilismo, l’accondiscendenza per i propri interessi, non si cambierà mai, ci comportiamo come ieri o l’altro ieri, duemila o cinquemila anni fa; la vedete voi la differenza ? Solo la tecnologia ci distingue, per il resto negli esseri umani nulla è cambiato. E ricordate sempre che il denaro ed il lavoro sono gli strumenti principali per tenervi accalappiati per l’eternità e non farvi pensare e ragionare.

  • Massimo

    come coprirsi di ridicolo di fronte a tutta italia!
    aahahahahahaha

  • Davide

    Dunque il Presidente del Consiglio dei Ministri ed un Senatore non dovrebbero essere soggetti alla legge? Quella legge è ancora in vigore, le ricordo

  • Massimo

    quale legge? la legge del sacro blogghe?!!!!

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250