venerdì 30 settembre 2016 - Aggiornato alle 20:35
5 agosto 2016 Ultimo aggiornamento alle 18:55

Ternana, il diesse Larini e il calendario: «Derby alla quarta? Era meglio più tardi»

Fere al lavoro in vista della sfida di Tim Cup di domenica contro il Pordenone

Ternana, il diesse Larini e il calendario: «Derby alla quarta? Era meglio più tardi»

di Massimo Colonna

«Il derby con il Perugia arriva forse troppo presto: alla quarta giornata le due squadre potrebbero non essere al top della forma. E affrontare due neopromosse nelle prime due giornate non devi trarci in inganno». E’ il pensiero di Fabrizio Larini, il direttore sportivo della Ternana, che commenta a freddo il sorteggio del calendario per il prossimo campionato di serie B. Alla cerimonia di Cesena, andata in scena mercoledì sera, era presente l’amministratore delegato del club Stefano Dominicis che tuttavia non ha rilasciato dichiarazioni.

Lo spettacolo E allora ecco che un commento tocca proprio al direttore sportivo, che ha seguito il sorteggio in tv e che in questi giorni è impegnato sul fronte mercato. La prima parola spetta ovviamente al derby: il calendario metterà di fronte Perugia e Ternana subito alla quarta giornata con la prima sfida in programma tra poco più di un mese. «Di sicuro – spiega il diesse delle Fere – stiamo parlando della partita più importante dell’anno, insieme a quella di ritorno ovviamente, e doverla affrontare già alla quarta giornata forse toglie qualcosa allo spettacolo. E’ ovvio infatti che a quel punto della stagione nessuna squadra potrà dirsi al meglio della condizione, perché troppo ravvicinata all’inizio del torneo. Un discorso che ovviamente varrà anche per la Ternana e per il Perugia, che dunque potrebbero non riuscire a dare il meglio in campo. Ovviamente però quella è una gara che si affronta più con la testa, con i nervi e con altri elementi che nel calcio contano molto, quindi sarà comunque una sfida decisiva per tutto l’ambiente».

Due neopromosse Altro fattore importante per il cammino delle Fere è il doppio turno iniziale contro due neopromosse: il sorteggio infatti ha messo nelle caselle rossoverdi prima il Pisa, protagonista della promozione della Lega Pro con Rino Gattuso in panchina, prima dell’addio di questi giorni, e il Cittadella, club che invece torna in B dopo lo scivolone nella serie inferiore dello scorso campionato. «Il fatto che affronteremo due formazioni che arrivano dal torneo inferiore – spiega il direttore sportivo della Ternana – non deve assolutamente trarre in inganno nessuno. Il discorso fatto per il derby vale ovviamente, e a maggior ragione, per i turni precedenti: non sarà facile la partenza del campionato, come non lo sarà per tutti. E dunque c’è il rischio di sottovalutare formazioni che magari sulla carta sembrano più abbordabili. Anche perché il campionato di serie B riserva ogni anno delle sorprese e dunque bisogna cercare di tenere la concentrazione subito al massimo per partire con il piede giusto».

I numeri della Ternana Per i rossoverdi quello che sta per iniziare è il ventiseiesimo campionato nella Serie B della storia. La società rossoverde finora ha ottenuto due promozioni in serie A, quelle della stagione 1971/72 e quella del campionato 1973/74. Per quanto riguarda mister Panucci può vantare già 34 presenze nel campionato cadetto come allenatore, collezionate nella passata stagione alla guida del Livorno.

Il mercato Per quanto riguarda le trattative di mercato Larini si limita ad un «stiamo lavorando». In questi giorni dovrebbe essere formalizzato l’addio al giovane Choucohumis, arrivato in prova nei giorni scorsi dal Pana thinaikos e rispedito in Grecia. Ecco dunque che per i rossoverdi torna ad aprirsi anche il capitolo terzino sinistro, visto che dopo l’addio di Vitale in quella zona del campo resta ancora un buco. Pare ci sia uno stallo invece sulle altre trattative. Quasi sicuramente non ci saranno volti nuovi nella sfida di Coppa di domenica sera al Liberati contro il Pordenone e con ogni probabilità se ne riparlerà dopo Ferragosto.

La Gumina in evidenza Intanto, mentre il nuovo arrivato Simone Palombi ha preso i primi contatti con il campo, giovedì la squadra ha disputato un’amichevole contro la formazione Primavera allenata da Sebastiano Siviglia. In evidenza La Gumina e Dugandzic, autori di una doppietta a testa, e Palumbo, anche lui in rete nel 5-0 finale con cui gli uomini di Panucci hanno superato i baby rossoverdi. Il tecnico ha provato il 4-3-3 con in campo Sala tra i pali, Zanon, Valjent, Meccariello e Lo Porto sulla linea difensiva, Tascone, Petriccione e Palumbo in mediana e Battista, Lagumina e Furlan. Nella ripresa poi tutti gli altri, tranne che per Coppola e Falletti che hanno lavorato a parte per problemi muscolari. Sernicola e Cason invece sono appena rientrati dallo stage di Coverciano con la B Italia.

@tulhaidetto

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250