giovedì 29 settembre 2016 - Aggiornato alle 13:52
21 aprile 2016 Ultimo aggiornamento alle 12:56

Teatro stabile dell’Umbria, boom di spettatori. Ruggieri: «Grande successo ma pochi fondi»

Anno record: + 21%. Morlacchi e Secci di Terni sfiorano il tutto esaurito. Il direttore: «Pubblico eccezionale, Comune di Perugia fa troppo poco»

Teatro stabile dell’Umbria, boom di spettatori. Ruggieri: «Grande successo ma pochi fondi»
Franco Ruggieri con Teresa Severini (Foto F.Troccoli)

di Ivano Porfiri

«Più di così non possiamo crescere, ma nonostante questo i conti fanno fatica a tornare». E’ da un lato raggiante e dall’altro amareggiato per non potere accontentare tutto il pubblico, Franco Ruggieri. Il direttore del Teatro stabile dell’Umbria chiama a raccolta la stampa per tracciare il consuntivo di un’annata a dir poco esaltante in termini di abbonati e biglietti venduti. Talmente tanto da non poter evitare di metterla a confronto con i numeri che il 29 consegneranno all’assemblea dei soci un bilancio che, a stento, riesce a chiudere per l’ennesima volta in pareggio.

Cultura teatrale «L’anno che si sta chiudendo – ha esordito Ruggieri  – ci consegna dati estremamente importanti, non solo a livello quantitativo. Possiamo dire che si è costituita in Umbria una cultura teatrale molto avanzata, che prima non c’era. Gli edifici teatrali sono elementi fondamentali di molte città grandi e piccole e la stagione di prosa è un appuntamento che gli umbri aspettano con forte interesse». Anche le compagnie teatrali, assicura il direttore «vogliono tutte venire in Umbria per il calore e la competenza che trovano, ma anche per la presenza di giovani tra le più alte in Italia».

Numeri record In totale, gli spettatori della stagione 2015/2016 del Teatro stabile (327 recite) sono stati 75.323 con un aumento del 21% rispetto all’anno prima. La crescita è «diffusa e generalizzata». A Perugia si è registrato il record assoluto di abbonamenti con 4.264 (+20%) mentre i biglietti sono cresciuti del 14% (649 spettatori in media a recita con un indice di riempimento del 96%). A Terni +28% di abbonamenti e +3,5% di biglietti (275 spettatori a recita e circa 96% di riempimento). Ottime performance anche a Spoleto (+60% di abbonamenti e +25% di biglietti), Foligno (rispettivamente +25% e +78%), Narni (+27% e +5%), Gubbio (+14% e +13%). Anche Città di Castello è cresciuta (+13% e +20%)mentre Todi è salita come abbonamenti (+9%) con un lievissimo calo di biglietti (-1,75%). In crescita anche le piccole realtà come Amelia, Gualdo Tadino, Corciano, Magione, Panicale e Tuoro. Unica delusione Marsciano (-35% di abbonamenti e -14% di biglietti).

Conti non tornano Ruggieri è estremamente soddisfatto, ma in lui c’è anche un rammarico. «A Perugia, ad esempio – sostiene – ci sarebbe la possibilità di una sera aggiuntiva, la sesta (il martedì, ndr), ma dal Comune fanno sapere che non è possibile». Il direttore non vuole polemizzare con il sindaco Andrea Romizi e l’assessore Teresa Severini (seduta accanto a lui in conferenza stampa), con cui assicura «c’è collaborazione e vicinanza», tuttavia non può non rilevare come «nel 2015 Palazzo dei Priori ha tagliato del 15% il suo contributo (oggi pari a 300 mila euro). Dato che la convenzione assegna a noi la gestione in toto del Morlacchi, con tutte le spese, ci troviamo a pagare anche quelle per le giornate che la convenzione riserva al Comune per altre sue iniziative (da Umbria Jazz al Festival del giornalismo) e questo oggi non è più possibile. Noi investiamo il doppio del contributo del Comune quindi si può dire che sia l’unico ente che ci guadagna a darci il teatro in gestione dato che se lo facessero loro spenderebbero il doppio. Ma questi sono problemi di cui si occuperà il presidente Cucinelli e il cda».

La replica di Severini Dal canto suo, l’assessore Severini ha risposto che «le disponibilità del Comune al giorno d’oggi purtroppo si conoscono e non si possono pareggiare i 400 mila euro che lo Stabile percepiva con la precedente Amministrazione. L’auspicio è arrivarci il prima possibile, ma nel frattempo si opererà per ridurre i giorni a disposizione del Comune lasciandoli al teatro per le sue iniziative».

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250