domenica 25 settembre 2016 - Aggiornato alle 14:16
9 maggio 2016 Ultimo aggiornamento alle 16:01

Suicidio dal Ponte di Spoleto: lo spettro del licenziamento dietro al dramma del papà 42enne

L'uomo residente a Terni lavorava nel Reatino, l'estremo gesto e la rabbia chi lo conosceva

Suicidio dal Ponte di Spoleto: lo spettro del licenziamento dietro al dramma del papà 42enne
Il Ponte delle Torri (foto Fabrizi)

di Chia.Fa.

C’è lo spettro del licenziamento nel dramma del quarantaduenne, residente a Terni ma originario del Reatino, che sabato mattina ha raggiunto Spoleto per lanciarsi nel vuoto dal Ponte delle Torri. Una vicenda tanto delicata quanto dolorosa per la famiglia e i conoscenti dell’uomo probabilmente sopraffatto dall’incertezza lavorativa, tanto più pesante quando si è genitore. L’estremo gesto del padre di famiglia, su cui non c’è spazio per valutazioni senza calpestare il lutto profondo di una famiglia e di una comunità, ha comunque suscitato la reazione di chi conosceva il quarantaduenne, dipendente di un supermercato della provincia laziale. È il caso di una donna di Rieti che, come già riportato da Il Messaggero, su Facebook in poche righe ha dipinto un quadro raggelante, che è stato condiviso da decine e decine di persone, tra cui alcuni familiari molto stretti dell’uomo: «Si può anche accettare di perdere il posto di lavoro – si legge nel post – ma non si può sopportare la disumanità: vado a fare un minimo di spesa ma noto qualcosa di strano, silenzio, sguardi bassi e tristi dietro i banconi, ma che succede? Come non sai niente? Siamo tutti licenziati, ci hanno chiesto le dimissioni in due o tre giorni, abbiamo rifiutato e ci hanno licenziato! Peggio è per chi non ha retto a tale decisione, magari più fragile, e si è tolto la vita gettandosi dal ponte di Spoleto! Ma la cosa più triste è aver chiesto una mezz’ora di raccoglimento per lui e ci è stata negata! Nemmeno un minuto».

Twitter @chilodice

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

-->

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250