giovedì 29 settembre 2016 - Aggiornato alle 01:55
21 luglio 2016 Ultimo aggiornamento alle 19:34

«Star Trek Beyond»: Kirk, Spock e soci in un evento corale equilibrato e convincente

Storia divertente e ben recitata, un gruppo che sembra molto affiatato e una computer grafica pazzesca per più due ore di divertimento

«Star Trek Beyond»: Kirk, Spock e soci in un evento corale equilibrato e convincente

di Gordon Brasco

Che non abbia mai visto con molta simpatia il reboot della saga di Star Trek nata nel 1966 da un’idea di Gene Roddenberry non è mai stato un mistero, soprattutto non ho mai digerito il nuovo Mr. Spock così lontano dall’interpretazione di Leonard Nimoy da risultare, almeno per me, fastidioso. L’ultimo film della saga uscito nel 2013 (Into Darkness) era stato pessimo: troppe pretese di stupire e una trama debolissima avevano dato l’impressione di aver assistito alla fine prematura del nuovo ciclo con protagonista un capitano Kirk buono più per una passerella di moda che per il ponte dell’Enterprise. Sceneggiatori e produttori devono aver capito l’antifona e per non buttare milioni di dollari già impegnati in questo progetto hanno tirato fuori un terzo film, stravolgendo completamente le impostazioni dei primi due… a dirla tutta sembra quasi di assistere a una puntata della vecchia serie tv con Kirk e soci intrappolati su un pianeta alieno e con il buon capitano che gli alieni li prende più a pugni in faccia che a colpi di phaser. Quello che fa la differenza in questo film è il livello di cameratismo che sembra legare i vari protagonisti della saga e che non vedevamo da molto tempo: la recitazione dei singoli si completa perfettamente con quella del gruppo e questo fa sembrare la vicenda del capitano Kirk, Spock e del dottor McCoy come un evento corale ben equilibrato e soprattutto convincente.

Il cattivo debole La parte più debole del film? Come sempre il cattivo. È dai tempi del vecchio Khan («Star Trek II – L’ira di Khan» del 1982 diretto da Nicholas Meyer) che non si vede un cattivone decente confrontarsi con i nostri eroi: troppo oscuri, troppo cattivi, troppo banali… insomma i villains chiamati a distruggere l’Enterprise non sono mai stati delle minacce credibili e questo ha sempre zavorrato la narrazione fino a renderla un po’ noiosa. Insomma vale la pena spendere dei soldi per questo film? Secondo me sì: i nostri vecchi eroi non torneranno più e dobbiamo farcene una ragione. Questo non toglie che i paragoni siano leciti e fino a ora sempre a favore del Kirk e Spock originali piuttosto che dei loro reboot. Ma se fino a oggi a fare acqua erano state anche le trame dei film con questo terzo capitolo le cose cambiano: una storia divertente e ben recitata, un gruppo che sembra molto affiatato e una computer grafica pazzesca vi faranno divertire per più due ore, lasciandovi intatta la nostalgia per l’equipaggio originale ma facendovi vivere un entusiasmo del tutto nuovo.

Un film di Justin Lin. Con Idris Elba, Sofia Boutella, Zoe Saldana, Simon Pegg, Chris Pine. Fantascienza, Ratings: Kids+13, durata 122 min. USA 2016. Universal Pictures.

Trama: Terzo capitolo della saga cinematografica di Star Trek rilanciata da J.J. Abrams. Questa volta l’equipaggio della USS Enterprise dovrà affrontare un nuovo temibile nemico che li metterà davvero a dura prova.

Perugia
Gherlinda: 16.45 / 18.45 / 19.35 / 20.30 /21.25 / 21.45

Uci Cinemas Perugia: 17.10 / 17.35 / 19.40 / 20.10 / 22.10 / 22.30

Foligno
Multisala Clarici: 17.30 / 20.00 / 22.30

Terni
The Space: 17.10 / 19.20 / 19.45 / 20.15 / 22.10 / 22.30
Cityplex Lucioli: 17.30 / 20.10 / 22.30

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250