domenica 16 giugno - Aggiornato alle 04:43

Verso Pescara, Nesta vuole un Perugia «arrabbiato. Santopadre? Ha parlato bene»

Venerdì sera test delicato all’Adriatico. Il tecnico: «Ci crediamo noi come il presidente, dalle ultime sconfitte scaturisca più attenzione»

Alessandro Nesta allenatore del Perugia ©Fabrizio Troccoli

di D.S.

«Dopo due sconfitte di fila la squadra ha bisogno di sentire fiducia in questo rush finale di stagione. Il presidente ha parlato bene, ci crede lui e ci crediamo noi. Adesso mancano poche partite ed ogni formazione deve fare un mini-campionato da qui alla fine». Parole di Alessandro Nesta, alla vigilia dell’anticipo Pescara-Perugia. Tiene banco l’intervento di Massiliano Santopadre che ha invocato una pronta reazione al senso di rassegnazione da lui avvertito attorno al Grifo. Poi però il tecnico biancorosso torna subito sulla sfida dell’Adriatico. «Il Pescara ha fatto tanti punti, giocare da loro non è facile ed è una squadra organizzata. Campo difficile dove servirà un Perugia super per portare a casa punti». Focus su singoli: «Contro il Benevento Vido è entrato col piglio giusto, poi vedremo chi schierare». Di sicuro i tanti errori continuano a fare da cornice al campionato del Grifo: «Capita a tutti commettere errori, poi è importante vedere la capacità di reagire. Gyomber? Ha fatto un grande campionato, è stata una colonna portante e può capitare perdere lucidità anche a causa della stanchezza. Ma è un giocatore forte e di spessore, non gli metto assolutamente una croce addosso…» Il refrain è noto, «le prestazioni ci sono state, anche a Crotone e contro il Benevento, quindi se mi dite che potevo fare qualche cambio in più nelle ultime sfide rispondo: vedendo i risultati sì, ma non ho voluto stravolgere troppo gli equilibri. Voglio vedere una squadra arrabbiata, mi auguro che le ultime sconfitte ci diano quel pizzico di attenzione e concentrazione in più. Spero davvero che i ragazzi tirino fuori qualcosa in più».

La formazione Tutti a disposizione di Nesta, tranne Pavlovic mentre Kingsley è febbricitante e quindi in dubbio. Ballottaggi in mediana, con Falzerano e lo stesso Kingsley ed in cabina di regia con Carraro e Bianco. In attacco probabile coppia offensiva Melchiorri (o Han) con Sadiq.

I commenti sono chiusi.