Currently set to Index
Currently set to Follow
sabato 24 ottobre - Aggiornato alle 11:06

Una grande Sir Volley Perugia detta legge anche a Trento

La capolista non fallisce il primo big-match stagionale di Superlega: sesta vittoria di fila. Russo show a muro, Plotnytskyi spettacolare nel finale

L'esultanza dei Block Devils vittoriosi a Trento (foto Benda)

di Daniele Sborzacchi

Grandissima prestazione della Sir Volley Perugia, capace di espugnare Trento nel primo big-match stagionale di Superlega, consolidando così la vetta a punteggio pieno dopo sei partite. Come un diesel i Block Devils hanno alzato il ritmo, dopo un inizio balbettante ed un prosieguo di partita straordinario. Con delle gemme autentiche come i cinque muri di un superlativo Russo ed il finale di partita con un Plotnytskyi spettacolare, che ha chiuso la sfida con l’ace (7 totali della Sir con 4 di Leon). La formazione di Heynen è stata brava specialmente nel quarto set, quando i trentini avanti anche a +4 hanno ceduto alla rimonta imperiosa degli umbri, ancora senza capitan Atanasijevic che però è intanto tornato in panchina.

FOTOGALLERY – Sir Volley Perugia inarrestabile, Trento si inchina

La partita Il primo set è un autentico monologo di Trento, con Perugia non pervenuta. Nimir si abbatte come un ciclone in contrattacco, dal servizio e con ogni tipo di palla schiacciabile. Leon e compagni incappano in un blackout che li vede commettere anche errori clamorosi… Insomma, l’approccio non è dei migliori e il muro trentino non perdona. Serve una reazione da grande squadra, e non si fa certamente attendere. Ter Horst inizia a martellare, Leon mette a terra palle preziose e Solè comincia ad ingranare sia a muro che in primo tempo. Il secondo parziale va sul filo dell’equilibrio, finché i padroni di casa non commettono un paio di ingenuità (Nimir e Lucarelli) che spianano la strada agli umbri, bravi ad approfittare sapientemente trascinati da Travica in regia. Cresce ancora Perugia, mentre dall’altra parte della rete Nimir inizia ad incepparsi e gli errori si fanno pesanti. Sale in cattedra Leon dalla linea di battuta, sale soprattutto Plotnytskyi fino a quel momento poco incisivo. E Russo stampa un muro determinante. La Sir detta legge portandosi a condurre, Trento però non ci sta e reagisce. Kooy e Lucarelli suonano la carica, arriva un +5 con Perugia che però non si disunisce e con muro-battuta torna sotto. Russo regala perle a muro, i ragazzi di Lorenzetti calano di incisività e il finale porta la firma di Oleh Plotnytskyi. Due battute incredibili, ace finale e Perugia che esulta.

TRENTO – PERUGIA 1-3
(25-17, 22-25, 17-25, 25-27)
TRENTO: Lucarelli 5, Giannelli 1, Kooy 15, Nimir 24, Podrascanin 11, Lisinac 11, Rossini (L), Sperotto, De Angelis, Sosa. Ne Cortesia, Argenta. All.: Lorenzetti
PERUGIA: Ricci 1, Travica 2, Ter Horst 14, Leon 18, Solè 8, Plotnytskyi 11, Colaci (L), Russo 9, Zimmermann, Vernon-Evans, Piccinelli. Ne Sossenheimer, Biglino, Atanasijevic. All.: Heynen
ARBITRI: Cappello-Tanasi. DURATA: 28′, 27′, 26′, 30′ Tot 1h51′

I commenti sono chiusi.