lunedì 6 aprile - Aggiornato alle 14:06

Terni, il Palatennistavolo torna centro federale: college e stage internazionali

L’impegno della Fitet per ristrutturare la foresteria, al De Santis la nazionale femminile

di Lorenzo Pulcioni

Il Palatennistavolo Aldo De Santis torna ad essere centro federale a tutti gli effetti. Dopo i fasti degli anni ’90 si rinnova lo storico rapporto tra la Fitet e la città di Terni, suggellato dall’annuncio reso nella conferenza stampa con il presidente della federazione, Renato Di Napoli. La Fitet ha ristrutturato la foresteria dell’impianto e trasferirà a Terni il college della squadra nazionale femminile. Dal prossimo anno è previsto l’arrivo anche di quella maschile.

Centro internazionale Terni tornerà quindi ad essere il centro di riferimento del tennistavolo italiano dopo che negli ultimi anni il college delle nazionali maschile e femminile si era spostato al centro Coni di Formia. «Un momento importante per il territorio ternano ma anche per la federazione – ha detto Di Napoli – non solo quella italiana ma anche la federazione internazionale con cui abbiamo deciso di portare qui stage e nazionali. Il prossimo mese di marzo 14 nazionali prepareranno a Terni un torneo internazionale. La struttura tornerà così ad essere la casa del tennistavolo, non solo delle squadre nazionali».

Formazione permanente Il Palatennistavolo torna così al centro del movimento pongistico, centro di formazione anche per arbitri e dirigenti, soprattutto sarà aperto e utilizzato a 360 gradi ogni giorno dell’anno, come spiega il direttore tecnico delle nazionali femminili Matteo Quarantelli. Un’enorme opportunità per garantire alta qualificazione agli atleti nazionali e non solo. Terni sarà sede di raduno durante periodi di minore attività agonistica, un’ulteriore risorsa anche per la federazione internazionale visto che già dai primi di marzo tutti i migliori giovani under 18 di livello mondiale saranno qui ad allenarsi. Nasce, o per meglio dire rinasce, un grande centro sportivo che funzionerà tutti i giorni».

I commenti sono chiusi.