Currently set to Index
Currently set to Follow
mercoledì 24 febbraio - Aggiornato alle 18:35

Ternana, il progetto del nuovo stadio nelle mani del sindaco: «Ecco le nostre idee»

Il vicepresidente Tagliavento e il tecnico Anibaldi consegnano il piano al Comune: «Grande opportunità anche per il rilancio del centro città»

«Stamattina la Ternana Calcio Spa ci ha formalmente consegnato lo studio di fattibilità del nuovo stadio Liberati nell’ambito di un progetto imprenditoriale più ampio e che comporta un notevole investimento economico. Si tratta di un’importante opportunità di sviluppo per la città che valuteremo con straordinaria attenzione, per tutte le parti di nostra competenza”. “Lo faremo da un punto di vista tecnico, così come prescrive la normativa, oltre che considerando la valenza economico e sociale del progetto stesso che s’inserisce in un quadro più ampio di rilancio della città di Terni in prospettiva di medio-lungo termine, per un’auspicabile ripresa post-pandemia». Lo ha dichiarato il sindaco Leonardo Latini al termine dell’incontro nel suo studio con il vicepresidente della Ternana Calcio Paolo Tagliavento e il project manager Sergio Anibaldi.

Il progetto «Il nuovo stadio, secondo quanto indicato nello studio di fattibilità – continua il sindaco Latini – si colloca in un’area sulla quale stiamo già intervenendo nell’ambito di un riassetto urbanistico complessivo con la costruzione del nuovo PalaTerni e dove è già stato realizzato il complesso delle piscine dello Stadio. L’obiettivo è realizzare un modernissimo quartiere dello sport e dello spettacolo, capace di fornire servizi attrattivi per un’area vasta, ben più ampia della conca ternana. Questo nuovo quartiere dello sport e dello spettacolo sarà fortemente connesso con il centro cittadino, che immaginiamo potrà avvantaggiarsi e rilanciarsi grazie all’attrattività garantita dal polo palasport-stadio-piscine praticamente a ridosso delle mura cittadine e in una situazione quasi unica in Italia, ma già utilizzata in altre importanti città europee. Condividiamo dunque l’idea secondo la quale uno stadio non debba intendersi soltanto come un impianto sportivo, ma come il fulcro di una serie di attività che portino sviluppo all’intera comunità. Naturalmente – ha proseguito il sindaco – auspichiamo che il nuovo Liberati possa assicurare, in un futuro prossimo, il degno palcoscenico per la massima espressione del calcio cittadino, la Ternana, che finalmente è tornata a far parlare di sé in tutta Italia con un progetto serio e innovativo e che attraverso la società del presidente Stefano Bandecchi si prefigge traguardi ambiziosi».

La struttura «Dal punto di vista tecnico – ha spiegato l’assessore ai Lavori pubblici Benedetta Salvati – l’iter che inizia oggi è complesso, ma ben definito, così come prescritto nei commi 304 e 305 dell’art.1 della Legge 147 del 27 dicembre 2013: una volta ricevuto lo studio di fattibilità, corredato dal piano economico finanziario, all’amministrazione comunale viene chiesto di convocare un’apposita conferenza di servizi per valutare il progetto stesso e dichiarare, entro 90 giorni, il pubblico interesse della proposta. Si tratta di una procedura che dovrà coinvolgere diversi soggetti, oltre ai nostri stessi tecnici». A seguito di questa approvazione, il proponente, ovvero la Ternana Calcio, dovrà presentare al Comune il progetto definitivo. A questo punto ci sarà una seconda conferenza di servizi decisoria alla quale saranno chiamati a partecipare tutti i soggetti ordinariamente titolari di competenze in ordine al progetto definitivo. Questa conferenza potrà richiedere al proponente modifiche al progetto strettamente necessarie. Se il progetto comporta atti di competenza regionale, la conferenza di servizi è convocata dalla Regione che delibera entro 180 giorni dalla presentazione del progetto esecutivo. Il provvedimento finale sostituisce ogni autorizzazione, o permesso comunque denominato necessario alla realizzazione dell’opera e determina la dichiarazione di pubblica utilità, indifferibilità e urgenza dell’opera.

I commenti sono chiusi.