mercoledì 23 ottobre - Aggiornato alle 09:46

Tennis: De Luca, Piccioli e Caporali-Cavicchi i campioni umbri di Terza Categoria

Allo Junior Tennis Perugia è andata in scena la rassegna che nei singolari ha premiato gli alfieri di Tc Perugia e Tennis Training School

Foto di gruppo per le premiazioni dei Campionati Umbri di Terza Categoria

Allo Junior Tennis Perugia si sono conclusi i Campionati Umbri di Terza Categoria. I titoli regionali sono andati a Tommaso De Luca (Tennis Club Perugia), Valeria Piccioli (Tennis Training School) ed al tandem Giulio Caporali-Andrea Cavicchi (Junior Tennis Perugia). Una rassegna che ha esibito un buon livello tecnico di gioco, culminata con delle finali equilibrate e dai toni agonistici e tecnici degni di sottolineatura. Nel singolare maschile l’atto conclusivo ha visto prevalere Tommaso De Luca, prima testa di serie, su Giulio Caporali terzo favorito del seeding. Al termine di una grande battaglia, ha avuto la meglio l’alfiere del Tennis Club Perugia col punteggio di 63 46 64. Applausi a scena aperta ai due contendenti sono arrivati dal buon pubblico presente al circolo di via XX settembre, che ha apprezzato la generosità e gli spunti tecnici dei tennisti. Nel singolare femminile la sfida tutta griffata Tennis Training School ha incoronato Valeria Piccioli su Jennifer Lai. Anche in questo caso grande equilibrio e sfida che si è protratta al terzo set, con Piccioli vittoriosa in rimonta 36 62 64. In serata poi si è giocata la finale del doppio, con il successo della coppia di casa composta da Giulio Caporali e Andrea Cavicchi, capace di superare 64 62 Federico Baldoni e Francesco Bossi. Alle premiazioni sono intervenuti il vice presidente del comitato regionale umbro della Federtennis Maurizio Mencaroni ed i Maestri dello Junior Tennis Perugia Stefano Lillacci e Francesco Vazzana. Riconoscimenti sono andati al giudice arbitro della manifestazione Enrico Brensacchi ed all’assistente giudice arbitro Remo Marinelli, coadiuvato nella rassegna dall’altro assistente giudice arbitro Daniele Ingrastone.

I commenti sono chiusi.