lunedì 18 febbraio - Aggiornato alle 04:01

Luci spente a Nocera, il Grifo perde e prende pure il gol dell’ex

Un punto in tre gare. E un match infame, balordo e complicato per il Perugia. Un pomeriggio, all’ombra dei “Lattari” - le montagne che si stagliano

Perugia Nocera ( foto Umbria24)

di Giovanni Baricca

Un punto in tre gare. E un match infame, balordo e complicato per il Perugia. Un pomeriggio, all’ombra dei “Lattari” – le montagne che si stagliano alle spalle del “San Francesco”, alla fine, saranno l’unico spettacolo degno di nota per i duecento intrepidi pervenuti a Nocera – senza luce né idee. Finisce 2-0, con tanto di gol, immancabile, dell’ex di turno, Fabio Mazzeo.

Primo tempo La si diceva. La stessa luce che Politano e Fabinho, sponda Grifo, Mazzeo ed Evacuo, fronte Molossi, provano ad accendere in avvio. Ci riesce Merino: primo tiro-scaldaguantoni e primo «bravo» per Koprivec, svelto a deviare in calcio d’angolo la bordata dell’esterno rossonero. Due minuti e ci riprova Mazzeo. Altro «bravo» per il portiere, altro spavento per il Perugia e una certezza: dal “San Francesco” non si uscirà passeggiando, anzi. Battiribatti in mezzo all’area, la solita, Corapi sul fondo (30’). Corapi per Mazzeo, incornata bassa dell’attaccante, mezzo miracolo di Koprivec (41’). Merino salta un grifone, ne dribbla un secondo, ne scansa un terzo e molla il mancino: alto (45’). Il primo tempo è tutto qui, tutto a tinte rossonere. Il Perugia non si vede, non incide, peggio ancora non costruisce. Si affida ai singoli, piuttosto, alle iniziative di un Politano inaspettatamente dirottato sulla sinistra – la correzione in corsa di Battistini, alla mezz’ora, lo riporta nel suo ruolo naturale, a destra – e a quelle di un Fabinho vivace ma solo, tremendamente solo nell’attaccare gli spazi. Clemente non c’è: quando Rantier ne prende il posto, a inizio ripresa, non si stupisce nessuno.

Secondo tempo Altra frazione, altro registro. Politano tiene in gioco un buon pallone e invita al tiro Clemente, Aldegani risponde in corner (47’). Jefferson si sgancia, sale a rimorchio degli avanti e scarica il sinistro, Aldegani salva di nuovo (48’). Pare tutto al posto giusto, adesso. Il Perugia è tornato, «La luce si è accesa» azzarda qualcuno in tribuna. Macchè. È soltanto un fuocherello, un fuocherello di paglia. Due minuti e i molossi vanno in vantaggio: Evacuo sfugge alla marcatura di Cacioli, si gira e mette detntro. Eurogol, a Nocera, in Prima divisione. Facile facile, come di certo non dovrebbe. I biancorossi rispondono a singhiozzo, ci provicchiano ma non affondano (soltanto Moscati accarezza la rete, al 67’). Per il resto, soffrono e sferragliano. Altro eurogol, sempre a Nocera, ancora in Lega pro. È il 74’: punizione dai venti metri, Mazzeo si sistema la palla, guarda il portiere, guarda quell’enorme rettangolo che è la porta alle spalle di Koprivec. Rete, sotto l’incrocio, dove la luce non arriva per davvero. E il sipario di fatto si abbassa, nel peggiore dei modi, col gol dell’ex, sulla gara forse più brutta disputata dal Perugia quest’anno. L’espulsione dalla panchina di Auteri (causa proteste) serve solo ad arricchire le cronache. Si riprende domenica prossima, sempre in trasferta e ancora in campania, ad Avellino.

NOCERINA 2

PERUGIA 0

NOCERINA (3-4-3):

Aldegani; Baldan, Crescenzi, Scardina; Garufo, Bruno, De Liguori, Corapi (10’st Daffara); Merino (24’st N. Russo), Evacuo (36’st), Mazzeo. A disp.: G. Russo, Sabatino, Ripa, Speziale. All.: Auteri.

PERUGIA (4-2-3-1):

Koprivec; Anania, Cacioli, Jefferson, Martella; Esposito, Di Tachcio; Politano, Clemente (9’st Rantier), Fabinho (14’st Moscati); Ciofani. A disp.: Giordano, A. Russo, Carloto, Calzola,. All.: Battistini.

 

ARBITRO:  Benassi  di Bologna

RETI: 5’st Evacuo, 29’st Mazzeo.

NOTE: spettatori 3200, di cui circa 200 provenienti da Perugia, per un incasso di 28493 euro. Ammoniti: Corapi, Cacioli. Espulsi: Auteri per proteste (35’st). Angoli: 5-8. Recuperi: 1’pt, 4’st.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.